Solidarietà piccante. Un peperoncino per l’autismo

Si chiama così la manifestazione nazionale – voluta dall’Associazione Una breccia nel muro e dall’Ospedale Bambino Gesù di Roma – che dal 4 al 6 ottobre coinvolgerà varie città italiane, per sensibilizzare la popolazione sull’autismo e raccogliere fondi – tramite la distribuzione di ben cinquantamila piante di peperoncino – a sostegno di progetti che migliorino la qualità di vita dei bambini affetti da autismo

Logo dell'iniziativa "Solidarietà piccante. Un peperoncino per l'autismo", 4-6 ottobre 2013Dopo il successo ottenuto con l’“esordio”, nel settembre dello scorso anno, tramite l’iniziativa denominata Per l’autismo scende in piazza il peperoncino, l’Associazione romana Una breccia nel muro (Oltre l’autismo) e l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma stanno per riproporre, da venerdì 4 a domenica 6 ottobre, un’analoga manifestazione nazionale, intitolata questa volta Solidarietà piccante. Un peperoncino per l’autismo. Giornate di solidarietà per i bambini con disturbi dello spettro autistico, che coinvolgerà numerose città italiane, anche grazie alla collaborazione di alcune tra le principali organizzazioni che operano nel campo dell’autismo e alla disponibilità di varie Associazioni sensibili al tema.

«L’intento – come spiegano i promotori – è in primo luogo quello di sensibilizzare la popolazione sull’autismo, una sindrome poco nota o mal nota, anche riguardo alla sua diffusione: per questo, verranno distribuiti da numerosi volontari dei dépliant che illustrano con semplicità l’autismo e indicano i segnali che possono portare a una diagnosi precoce. Un secondo intento è quello poi di raccogliere fondi a sostegno di progetti che offrano a bambini affetti da autismo percorsi terapeutici cognitivo-comportamentali, utili a migliorarne la qualità di vita, subito e in futuro».
Nel corso dunque delle tre giornate sulle quali si articolerà l’evento, a fronte di una piccola erogazione liberale, verranno distribuite ben cinquantamila piante di peperoncino all’interno di aziende, centri commerciali, circoli sportivi e parrocchie, oltreché nelle piazze. (S.B.)

Ringraziamo Sandro Paramatti per la segnalazione.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti (oltre al sito internet specificamente dedicato all’iniziativa): info@unabreccianelmuro.it.

Stampa questo articolo