Sta per ripartire il Progetto “Tempo LiberAbile”

Promosso dall’Associazione Il Tesoro Nascosto di Carpi (Modena), il progetto “Tempo LiberAbile” fornisce pomeriggi di divertimento e socializzazione ad un gruppo di ragazzi con disabilità minorenni o in età scolare. La quarta edizione dell’iniziativa – quest’anno sostenuta consistentemente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – ripartirà il 3 ottobre e si ripeterà per tutti i giovedì, fino al termine dell’anno scolastico

Persona con disabilità che lavora al computerSta per ripartire per il quarto anno consecutivo, in provincia di Modena, il Progetto Tempo LiberAbile, interessante iniziativa a beneficio dei ragazzi con disabilità minorenni o in età scolare, proposta dall’Associazione di Genitori di Figli con Disabilità Il Tesoro Nascosto di Carpi della quale abbiamo raccontato, nella primavera scorsa, il grande impegno profuso nell’organizzazione della Rassegna Nati per Vincere? La disabilità fa cultura.
Accadrà esattamente da giovedì 3 ottobre, e si ripeterà per tutti i giovedì (ore 16-18-30), fino al termine dell’anno scolastico, con varie attività che si svolgeranno in diversi luoghi del territorio di Carpi e Campogalliano.

Ma di che cosa si tratta esattamente? «Di un’iniziativa – spiegano dall’Associazione Il Tesoro Nascosto – che continua a riempire un vuoto, colto fin dal 2009, quando un team scientifico da noi appositamente costituito elaborò i feedback arrivati in seguito alla distribuzione di trecento questionari consegnati ad altrettante famiglie dei quattro Comuni delle Terre d’Argine [Campogalliano, Carpi, Novi di Modena, Soliera, N.d.R.], con un ragazzo o una ragazza con disabilità. In sostanza, Tempo LiberAbile vuole fornire un’opportunità ludico-socializzante a questi giovani al pomeriggio, quando la scuola non integra più e degli adolescenti che come tutti avrebbero la voglia – e il diritto – di stare con i propri coetanei, sono invece chiusi in casa con i genitori».
Che sia poi del tutto corretto parlare di un vero e proprio “vuoto” lasciato dai Servizi Sociali dei Comuni verso questi giovani, trova quest’anno una clamorosa conferma anche nel fatto che il Fondo dell’Osservatorio Nazionale per il Volontariato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (come da Legge 266/91), ha deciso di sostenere l’iniziativa, finanziando il 90% della presente edizione. «Ci rende particolarmente orgogliosi – commentano ancora dall’Associazione organizzatrice – sapere che il nostro progetto è stato accolto dal Ministero, che ringraziamo per la sensibilità dimostrata verso questi temi, quale segno della validità dell’iniziativa».

Aperto a un massimo di dodici minorenni con disabilità, Tempo LiberAbile intende dare anche qualche ora di libertà ai genitori, che possono lasciare il loro figlio in mani sicure e professionali, così come gli operatori della Cooperativa LUNEnuove di Campogalliano, con la quale il Tesoro Nascosto ha rinnovato una fiduciosa collaborazione anche per l’edizione di quest’anno. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@iltesoronascosto.org.

Stampa questo articolo