Autismo: conoscere per agire

E «per favorire una comunità solidale», come spiegano dall’ANGSA di Bologna (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), che ha promosso per il 5 ottobre a Castello di Serravalle (Bologna), la giornata di informazione e sensibilizzazione sul tema “A come autismo: Invisibile, Sconosciuto, Frequente. Conoscere per agire”

Insegnante con bimbo affetto da disturbi generalizzati dello sviluppoÈ organizzata dall’ANGSA di Bologna (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici), con il Patrocinio dell’Unione dei Comuni della Val Samoggia, delle Municiplità di Castello di Serravalle e Monteveglio, della Fondazione Augusta Pini e Istituto del Buon Pastore di Bologna e dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna, la manifestazione di informazione e sensibilizzazione, sul tema A come autismo: Invisibile, Sconosciuto, Frequente. Conoscere per agire, in programma per sabato 5 ottobre a Castello di Serravalle, in provincia di Bologna (Sala Polivalente di Piazza della Pace, ore 9-16.30), iniziativa indirizzata a insegnanti, educatori, genitori e cittadini tutti, «per favorire una comunità solidale», come spiegano i promotori.

Presieduta da Katia Zagnoni, vicesindaco di Monteveglio, la giornata sarà aperta dai saluti di Augusto Casini Ropa, presidente dell’Unione dei Comuni della Valle del Samoggia e sindaco di Savigno, Milena Zanna, Simone Bini e Isabella Degli Esposti, rispettivamente sindaco, assessore alle Politiche Scolastiche e Sanitarie e assessore ai Servizi Sociali di Castello di Serravalle, Daniele Rumpianesi, segretario-direttore dell’Unione dei Comuni della Valle del Samoggia e Giorgio Palmeri, presidente della Fondazione Augusta Pini e Istituto del Buon Pastore di Bologna.
Interverranno poi Carlotta Gentili, neuropsichiatra responsabile dell’Unità Operativa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza di Casalecchio-Porretta, Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’AUSL di Bologna (Il percorso dei servizi sanitari nella presa in carico di bambini e ragazzi con autismo); Michela Baruzzi, educatrice professionale dell’Area Disabilità ASC InSieme dell’AUSL di Bologna (Il ruolo di “Asc InSieme” nel progetto di integrazione a favore dei bambini con autismo); i rappresentanti del Team Autismo dell’AUSL di Bologna (La Casa del giardiniere); Carlo Hanau, docente dell’Università di Modena e Reggio Emilia, da molto tempo impegnato sul fronte dell’autismo (Famiglie, Scuola e Università: insieme per una formazione comune all’educazione personalizzata); Gianfranco Vitale, insegnante e scrittore, autore del libro Mio figlio è autistico (Autismo adulti: dall’emergenza all’inclusione, ai diritti); Tiziano Gabrielli, medico, autore di Out aut, guida alla riabilitazione di persone con autismo e Patrizia Gabrielli, riabilitatrice e presidente dell’ANGSA Trentino Alto Adige (Non porre limiti all’educazione); Paola Nobile, psicologa e analista del comportamento in corso di certificazione (Esperienze italiane di educazione e integrazione di bambini con autismo nella scuola di tutti); Marialba Corona, consigliera dell’ANGSA di Bologna (Educazione alle attività di tempo libero).

Nel pomeriggio, poi, dopo il buffet offerto dai volontari del Gruppo del Gnocco Fritto di Castello di Serravalle, è prevista una discussione sulle relazioni del mattino, seguita da un momento musicale (con le canzoni di Elena dell’ANGSA) e dalla proiezione, con successivo dibattito, del film per la televisione Temple Grandin – Una donna straordinaria, diretto nel 2010 da Mick Jackson. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti. convegni@autismo33.it, marianicerati@yahoo.it (Daniela Mariani Cerati).

Stampa questo articolo