Imprenditoria sociale e disabilità: un premio dall’Europa

Entro il 15 novembre, le imprese sociali impegnate in àmbito di disabilità o gli imprenditori con disabilità che intendano presentare un progetto innovativo, possono partecipare al primo Premio Europeo su Imprenditoria Sociale e Disabilità, lanciato dalla Fondazione ONCE, insieme alle compagnie e organizzazioni della rete CSR + D, in linea con la “Social Business Initiative”, voluta nel 2011 dalla Commissione Europea

Giovane uomo in carrozzina al lavoro su una scrivania, mentre parla al telefono«L’attuale situazione socioeconomica in Europa costringe a cercare nuove soluzioni per affrontare le sfide sociali e in questo senso l’innovazione e l’imprenditoria sociale sono due concetti chiave per trovare nuovi modelli di sviluppo che migliorino e trasformino la nostra società. Nel Vecchio Continente, poi, si stima che le persone con disabilità rappresentino il 16% dell’intera popolazione, costituendo una fonte sostanziale di talenti da una parte e di consumi dall’altra. Diventa quindi particolarmente interessante guardare a questa fascia di popolazione, che può dare un sicuro valore aggiunto a tutta la comunità europea».
Viene presentato così il primo Premio Europeo su Imprenditoria Sociale e Disabilità (1st European Award for Social Entrepreneurship and Disability: Promoting Social Investment), importante iniziativa lanciata dalla Fondazione spagnola ONCE, insieme alle compagnie e organizzazioni che compongono la rete CSR + D (European Network for Corporate Social Responsibility & Disability), in linea con la Social Business Initiative, voluta nel 2011 dalla Commissione Europea.

Scopo fondamentale del Premio – cui possono partecipare entro il 15 novembre tutte le imprese sociali impegnate in àmbito di disabilità o gli imprenditori con disabilità che intendano presentare un progetto innovativo – è sostanzialmente quello di promuovere investimenti sociali focalizzati sul miglioramento del capitale umano e sulla promozione della coesione sociale.
E questo è pienamente in linea con due tra i principali obiettivi della Strategia Europa 2020, vale a dire da una parte la promozione di imprenditoria sociale che crei occupazione, dall’altra l’accrescimento della coesione sociale, tramite l’inclusione della disabilità nell’imprenditoria sociale, dando al tempo stesso visibilità e riconoscimento a iniziative imprenditoriali provenienti da persone con disabilità.
Per il progetto vincitore, è previsto un contributo economico di 6.000 euro, oltre a una serie di qualificate consulenze, per sviluppare l’iniziativa. La cerimonia di premiazione, infine, è in programma durante l’evento denominato Social Entrepreneurs: Have Your Say!, organizzato a Strasburgo, per il 16 e 17 gennaio 2014, dalla Commissione Europea. (S.B.)

Per ogni ulteriore informazione e approfondimento, consultare il sito dedicato al 1st European Award for Social Entrepreneurship and Disability: Promoting Social Investment (in lingua inglese).

Stampa questo articolo