Decreto sui libri di testo digitali: il Ministero rimedia

Dopo la nostra segnalazione riguardante il paradosso di pubblicare in formato non accessibile alle persone con disabilità visiva il Decreto sui libri di testo digitali, contenente anche una parte dedicata al rispetto delle norme sull’accessibilità, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca rimedia “rapidamente”, rendendo disponibile quel documento in un formato fruibile da parte di tutti

Pollice rettoNel riferire del Decreto n. 781, firmato dal ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza, tramite il quale è stato determinato il graduale passaggio dal libro di testo cartaceo ai contenuti didattici e formativi digitali, avevamo dovuto sottolineare il paradosso che quello stesso Decreto – compreso l’Allegato contenente una serie di linee guida sul futuro libro, tra le quali anche quelle concernenti il rispetto delle normativa sull’accessibilità – fosse stato pubblicato nel sito internet del Ministero in formato .pdf immagine e quindi non accessibile alle persone con disabilità visiva.
La cosa, tra l’altro, oltre a scatenare non poche polemiche nelle mailing list e nei blog di persone non vedenti e ipovedenti, era stata segnalata dall’ADV (Associazione Disabili Visivi) all’Agenzia per l’Italia Digitale, l’Ente che dal mese di marzo di quest’anno è preposto al monitoraggio sui siti pubblici della Pubblica Amministrazione e dei soggetti che devono rispettare la “Legge Stanca” (Legge 4/04, Disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici).

È dunque con particolare piacere che possiamo ora dare ai Lettori una buona notizia – dopo essere stati contattati in redazione dallo stesso Ufficio Stampa del Ministero -, ovvero che a quella “gaffe” si è voluto rimediare, talché oggi il testo del provvedimento è disponibile in formato accessibile a tutti.
Decisamente un buon segnale, accolto con soddisfazione anche dai rappresentanti dell’ADV – e in particolare dal presidente Giulio Nardone e dalla consigliera Stefania Leone – da molto tempo impegnati in questi àmbiti. (S.B.)

Stampa questo articolo