La mia vita è cambiata: cosa faccio?

Si intitola così la conferenza-dibattito aperta a tutta la cittadinanza, organizzata per il 18 ottobre a Pesaro da La Gilda, Associazione locale impegnata nei confronti di persone – e dei loro familiari – che, in seguito ad incidenti o all’insorgenza di patologie neurologiche o di altra natura, si trovano a dover convivere con la disabilità e a rapportarsi quindi con una nuova realtà, non certo semplice da accettare

Daniela Ciaroni

Daniela Ciaroni, assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Pesaro-Urbino, parteciperà al convegno-dibattito organizzato per il 18 ottobre dall’Associazione La Gilda

Nata nel 2004, l’Associazione La Gilda di Pesaro si rivolge a persone che, in seguito ad incidenti o all’insorgenza di patologie neurologiche o neuromuscolari (sclerosi multipla, distrofie, ictus) o di altra natura (aneurismi, problemi oncologici, cardiaci o respiratori), si trovano a dover convivere con la disabilità e a rapportarsi quindi con una nuova realtà, non certo semplice da accettare.
In particolare, l’impegno della ONLUS marchigiana si è incentrato sullo strumento dei gruppi di auto-aiuto semidiretto, uno dei quali si occupa di chi è stato personalmente interessato dal problema, mentre un altro punta a sostenere i familiari.

In questo quadro, per venerdì 18 ottobre a Pesaro (Sala Rossa del Comune, ore 18-19.30), La Gilda propone ora la conferenza-dibattito dal titolo La mia vita è cambiata: cosa faccio?. Post-trauma ri-creare le “sicurezze” dopo averle perse, aperta a tutta la cittadinanza.
Condurranno l’incontro Emiliano Agostini, neurochirurgo, Daniela Ciaroni, fisiatra e assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Pesaro-Urbino, Carlo Bertozzini, sociologo, Federica Macchini, psicologa e Robert Forte, counselor. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: la_gilda@libero.it.

Stampa questo articolo