L’AISM al Festival della Scienza di Genova

La riproposizione della mostra fotografica “Under Pressure: living with MS in Europe”, un evento-omaggio dedicato a Rita Levi Montalcini, che fu presidente onorario dell’AISM sino agli ultimi giorni della sua vita e una conferenza sulla “complessa bellezza del cervello”: saranno questi i contributi dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, all’interno del Festival della Scienza, in corso di svolgimento a Genova, fino al 3 novembre

Foto di Walter Astrada per la mostra "Under Pressure: living with MS in Europe"

Mary Bartley e Dixie fotografati da Walter Astrada, per la mostra “Under Pressure: living with MS in Europe”

È presente con alcune importanti iniziative, l’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), all’interno del Festival della Scienza di Genova, in corso di svolgimento fino al 3 novembre nel capoluogo ligure.
Innanzitutto va segnalata la riproposizione – dopo il felice esito delle esperienze di Milano e Roma – di Under Pressure: living with MS in Europe (“Sotto pressione: vivere con la sclerosi multipla in Europa”), reportage fotografico composto da trenta immagini, opera di cinque grandi fotografi di fama internazionale (Walter Astrada, Lurdes R. Basolí, Max Braun, Fernando Moleres e Carlos Spottorno), per raccontare appunto la vita delle persone con sclerosi multipla nel Vecchio Continente.
«L’obiettivo di Under Pressure – spiegano dall’AISM – è quello di identificare l’Europa come un luogo in cui l’accesso a trattamenti di alta qualità, il supporto alle persone con sclerosi multipla e la loro piena inclusione sociale dev’essere un diritto di tutti. In realtà, oggi, l’accesso alle terapie e ai trattamenti è differente in tutta Europa: è quindi necessario far conoscere queste disuguaglianze, con l’obiettivo di rafforzare la cultura della responsabilità sociale e di ottenere un presente fatto di servizi e cure alla portata di tutti».
L’esposizione, che si prolungherà sino alla fine del Festival della Scienza, intende coinvolgere in particolare gli studenti delle scuole genovesi (medie e superiori), mettendo a loro disposizione materiale informativo e il supporto dei volontari dell’AISM di Genova, per eventuali visite guidate.

Sabato 26 ottobre, poi, è in programma l’evento Ricordo di Rita (Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, ore 18), omaggio a Rita Levi-Montalcini, Premio Nobel per la Medicina, e presidente onorario dell’AISM sino agli ultimi giorni della sua vita.
A ricordarne il cammino al fianco delle persone con sclerosi multipla, sarà Mario Alberto Battaglia, presidente della FISM, la Fondazione dell’AISM, e successivamente vi sarà spazio per lo spettacolo Le parole di Rita, interpretato da Anna Bonaiuto, con la regia di Valeria Patera, che racconterà l’esperienza americana della scienziata attraverso le lettere scritte alla madre e alla sorella Paola, ove la prosa verrà intervallata da alcuni filmati.

Infine, domenica 27 ottobre (Aula Polivalente San Salvatore, ore 17), i ricercatori della FISM Giampaolo Brichetto, Ludovico Pedullà e Andrea Tacchino condurranno la conferenza intitolata La bellezza indispensabile, i cui contenuti spiegano essi stessi: «Complesso, molteplice, affascinante, il nostro cervello gestisce la molteplicità delle azioni che compiamo ogni giorno. È una complessità non solo strutturale, ma anche funzionale, alla base sia di esperienze istintive che di quelle intellettuali. Si tratta di un’abilità che non comprende solo l’oggetto dell’esperienza, ma che è capace di attivare funzioni sensoriali, mnemoniche ed emotive che costituiscono le sfaccettature della complessa bellezza del cervello. La sua bellezza poliedrica si accresce e si completa attraverso l’attitudine ad adattarsi e interagire con il mondo esterno. Ed è su questa capacità plastica che l’AISM, insieme alla sua Fondazione (FISM), ha avviato alcuni studi per valutare i cambiamenti cerebrali strutturali e funzionali in persone con sclerosi multipla, al fine di accrescerne e migliorarne la qualità della vita grazie all’ottimizzazione di programmi di riabilitazione tradizionale». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa AISM (Barbara Erba), barbaraerba@gmail.com.

Stampa questo articolo