Risorse confermate per il mondo del volontariato

È stato infatti rinnovato, per i prossimi tre anni, l’Accordo Quadro sottoscritto nel 2010, tra l’ACRI (Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio) e tutte le principali organizzazioni italiane impegnate nel volontariato, con una stabilizzazione dei fondi a disposizione per gli anni 2014-2016 e anche introducendo alcune importanti novità

Disegno che rappresenta alcuni settori di impegno del volontariatoA distanza di tre anni dal precedente Accordo Quadro del 2010, si è recentemente rinnovata l’intesa tra l’ACRI (Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio) da una parte, il Forum Nazionale del Terzo Settore (e la Consulta Nazionale del Volontariato presso quest’ultimo), la ConVol (Conferenza Permanente delle Associazioni, Federazioni e Reti di Volontariato), la CO.GE. (Consulta Nazionale dei Comitati di Gestione) e il CSVnet (Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato) dall’altra, rimodulando quanto deciso tre anni fa, con una stabilizzazione dei fondi a disposizione per gli anni 2014, 2015 e 2016, ma anche introducendo alcune importanti novità.

Si tratta, nel dettaglio, della destinazione di 35 milioni di euro per le attività dei Centri di Servizio per il Volontariato (CSV) e per il  funzionamento dei Co.Ge., oltre a un’ulteriore quota di 2 milioni, da parte della Fondazione CON il Sud, per finanziare l’attività ordinaria dei CSV operanti nelle regioni meridionali.
Ai fini poi della stabilizzazione dei flussi di entrata a favore del sistema dei CSV, negli anni successivi è previsto l’accantonamento a riserva del “quindicesimo”, come da articolo 15 della Legge 266/91, riveniente dai bilanci delle Fondazioni di origine bancaria 2014 e 2015 (se eccedente i 41 milioni di euro).
E ancora, 12 milioni di euro per la progettazione sociale delle organizzazioni di volontariato, erogati direttamente dalle Fondazioni di origine bancaria, per la realizzazione di interventi individuati con modalità condivise tra i soggetti firmatari, mentre 20 milioni saranno assegnati alla Fondazione CON il Sud, con l’impegno di riservare un importo annuale pari ad almeno 4 milioni e 400.000 euro, per il sostegno delle stesse organizzazioni di volontariato nelle regioni meridionali.
Infine, si è decisa la conferma del sostegno alle reti di volontariato firmatarie, pur con la destinazione di un importo ridotto a 500.000 (rispetto ai 600.000 previsti dal precedente accordo), per il triennio 2014-2016.

Come già espresso anche nel 2010, le parti hanno convenuto sull’importanza di garantire un modello unificato per la rendicontazione dei fondi stabiliti per i CSV e per i Co.Ge., proprio al fine di dare trasparenza e comparabilità alle attività che saranno sviluppate a beneficio del volontariato su tutto il territorio nazionale.
I firmatari hanno riscontrato infine la necessità di un confronto costante, per promuovere e sostenere gli interventi derivanti dall’accordo e condividere alcuni obiettivi strategici già individuati; a tal proposito, è prevista la convocazione di incontri trimestrali, con l’obiettivo di assumere consensualmente linee di indirizzo valide per tutte le Regioni. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Linda Di Bartolomeo (ACRI), linda.dibartolomeo@acri.it; Anna Monterubbianesi (Forum Nazionale del Terzo Settore), stampa@forumterzosettore.it; Clara Capponi (CSVnet), ufficiostampa@csvnet.it.

Stampa questo articolo