Adulti e spina bifida: quale follow-up?

Una volta superata l’età pediatrico-adolescenziale, le persone con spina bifida dovrebbero essere seguite da specialisti dell’età adulta, competenti e possibilmente operanti in équipe fra di loro. Nel nostro Paese, però, questo progetto ideale è ancora lontano dall’essere realizzato. Partirà da questo assunto il convegno del 23 novembre a Vicenza, intitolato appunto “Adulti e spina bifida: quale follow-up?”

Laura, estone, ha la spina bifida

Laura è una giovane donna estone con la spina bifida

«Una volta superata l’età pediatrico-adolescenziale – sottolineano Francesco Battaglino, chirurgo-urologo e pediatra, responsabile del Centro Spina Bifida di Vicenza e Guerrino Sacchella, presidente dell’AVISB (Associazione Veneta per l’Idrocefalo e la Spina Bifida) – le persone con spina bifida dovrebbero, attraverso il cosiddetto percorso di transitional care, essere seguite da specialisti dell’età adulta, competenti e possibilmente operanti in équipe fra di loro. Nel nostro Paese, però, questo progetto ideale è ancora lontano dall’essere realizzato, per cui la maggior parte delle persone non usufruisce dei necessari controlli periodici, oppure questi sono non coordinati, esponendo chi è coinvolto in questi problemi a complicanze che riducono il livello delle autonomie e della qualità della vita».

Partendo da questo assunto, l’AVISB, in collaborazione con l’ULSS 6 di Vicenza (Ospedale San Bortolo), ha organizzato per sabato 23 novembre nella città berica (Centro Formazione Ottorino Zanon della Pia Società San Gaetano, ore 8.30-13), il convegno denominato Adulti e spina bifida: quale follow-up?, allo scopo di stimolare autorità, medici, associazioni e gli stessi utenti a migliorare e istituzionalizzare i servizi alla persona con spina bifida anche nell’età adulta.
Vi parteciperanno numerosi specialisti medici di Vicenza, ma provenienti anche da altri centri specializzati di Monselice (Padova), Dolo (Venezia) e Trieste. (S.B.)

Il programma completo è disponibile nel sito dell’AVISB. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@spinabifidaveneto.it.

Stampa questo articolo