Il diritto alla vita culturale e ricreativa

Sarà questo, così come lo ha fissato un articolo della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, il tema al centro degli eventi promossi fino al 10 dicembre a Imola (Bologna), in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, dall’Ospedale Montecatone, la nota struttura specializzata nella cura e nella riabilitazione di persone con lesione midollare e/o grave cerebrolesione

Laboratorio di pittura di Montecatone (Imola)

Foto di gruppo per alcuni partecipanti al laboratorio di pittura dell’Ospedale Montecatone di Imola (Bologna)

Aperte già il 1° dicembre con un concerto del coro gospel “The Colours of Freedom”, si protrarranno fino a martedì 10 le iniziative promosse a Imola (Bologna) in occasione del 3 Dicembre, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, dall’Ospedale Montecatone, la nota struttura specializzata nella cura e nella riabilitazione di persone con lesione midollare e/o grave cerebrolesione.

Mettendo infatti al centro il diritto alla Partecipazione alla vita culturale e ricreativa, così come esplicitato nel trentesimo articolo della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, gli eventi si susseguiranno a partire dal pomeriggio di martedì 3, ove nella biblioteca di Montecatone è in programma (ore 13.30-17) una sessione speciale del laboratorio di pittura Reinserart, a cura del maestro d’arte Vincenzo Gualtieri.
Domenica 8, poi, sarà la volta della mostra natalizia dei lavori prodotti nello stesso laboratorio di pittura, che già dal 2007 costituisce uno spazio settimanale di libera espressione artistica, per i pazienti di Montecatone e anche per i loro familiari.
Infine, martedì 10 (ore 17), nell’atrio principale della struttura imolese, si chiamerà Less is more l’incontro con Norberto De Angelis, l’ex campione di football americano che oggi vive in carrozzina, reduce dall’Africa, dove ha recentemente attraversato la Tanzania in handbike, per solidarietà con i progetti a favore delle persone con disabilità di quel Paese, promossi dal CEFA di Bologna. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Claudia Corsolini (corsolini@montecatone.com).

Stampa questo articolo