I bisogni dei ciechi che creano occupazione

Con l’imminente inaugurazione presso Roma di uno dei quindici impianti per la stampa braille più innovativi al mondo – il primo del genere in Italia – da parte della Cooperativa Handy Systems, che realizzerà in tal modo un progetto della Società TifloSystem, attuato in collaborazione con la norvegese Braillo Norway, si creerà sia sviluppo (della cultura e dell’’informazione), sia lavoro per almeno una decina di persone

Libro in braille

Lettura di libro in braille

L’inaugurazione del 13 dicembre ad Ardea (Roma), presso la Stamperia Braille della Cooperativa Handy Systems (Via Pontina Vecchia, Km 34, ore 14) di uno dei quindici impianti per la stampa braille più innovativi al mondo – il primo del genere in Italia – permetterà una produzione elevata a costi contenuti di giornali e riviste, libri e ogni altro materiale a stampa ad uso dei ciechi.
Si tratta di un progetto realizzato per conto di Handy Systems – da anni attiva nella produzione di stampa braille – dalla Società TifloSystem di Piombino Dese (Padova), azienda leader nella fornitura di tecnologie per la vita indipendente delle persone con disabilità, in collaborazione con la Braillo Norway di Tonsberg (Norvegia).

«Si tratta certamente – sottolinea Davide Cervellin, fondatore e presidente di TifloSystem – di un’occasione tangibile di sviluppo, perché la cultura e l’informazione creano sviluppo, e di lavoro, visto che la Cooperativa romana occupa una decina di persone».
Grazie a questo modernissimo impianto robotizzato, infatti, HandySystems potrà aumentare la produzione e offrire in tempi rapidi libri di testo, manuali e riviste ai ciechi italiani, ma, come dichiara la combattiva presidente della Cooperativa Caterina Ferrazza, «anche per i ciechi di altri Paesi. Abbiamo infatti dei progetti per l’Africa e per il Sudamerica».
Il nuovo impianto consiste in un’unità di stampa ad alta velocità in linea con taglierina, fascicolatrice e imbustatrice, per cui il libro – in formato elettronico sul computer – uscirà dall’impianto stesso già bello e stampato, rilegato, imbustato e pronto per la spedizione. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: davide.cervellin@tiflosystem.it.

Stampa questo articolo