Narrazione e disabilità intellettiva

Si chiama così il libro pubblicato da Erickson, cui abbiamo a suo tempo dedicato un ampio approfondimento, centrato appunto sulla narrazione dei vissuti delle persone con disabilità intellettiva e dei loro familiari, per costruire servizi e mettere a punto una diagnosi. Due dei suoi autori – Ciro Ruggenini e Giampiero Griffo (gli altri sono Sumire Manzotti e Fabio Veglia) – lo presenteranno a Fermo, nella serata del 13 dicembre

Ciro Ruggerini

Ciro Ruggerini, uno degli autori del libro “Narrazione e disabilità intellettiva”, parteciperà all’incontro di Fermo

Verrà presentato nella serata di oggi, 13 dicembre, a Fermo, nelle Marche (Teatro Luigi Antonini, Via Visconti d’Oleggio, 60, ore 21), il libro uscito all’inizio di quest’anno per i tipi di Erickson, intitolato Narrazione e disabilità intellettiva. Valorizzare le esperienze individuali nei percorsi educativi e di cura, di Ciro Ruggerini, Sumire Manzotti, Giampiero Griffo e Fabio Veglia.
A introdurre l’incontro, cui presenzieranno due degli Autori, ovvero Ruggerini e Griffo, sarà Patrizio Cardinali, presidente della III Commissione Consiliare del Comune di Fermo (Sociale, Sanità e Cultura).

Del volume che sarà al centro della serata, il nostro giornale ha già avuto modo di occuparsi ampiamente, in particolare con una lunga intervista a Ciro Ruggerini, neuropsichiatra infantile, psichiatra e psicoterapeuta, oltreché presidente della SIRM (Società Italiana per lo Studio del Ritardo Mentale) e direttore sanitario della Cooperativa di Servizi L’Arcobaleno di Reggio Emilia e Sumire Manzotti, neuropsichiatra infantile, direttore generale del Minamiyachimata Mental Hospital in Giappone e membro del consiglio direttivo della SIRM.
Si tratta di un’opera che mette al centro la narrazione dei vissuti delle persone con disabilità intellettiva e dei loro familiari, intesa come insieme di informazioni imprescindibili per costruire servizi e mettere a punto una diagnosi.
Riguardo infine agli altri due autori, Giampiero Griffo, assidua “firma” del nostro giornale, è membro dell’Esecutivo Mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International), mentre Fabio Veglia è psicologo, psicoterapeuta e professore straordinario di Psicopatologia Generale all’Università di Torino. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: marco.marchetti@comune.fermo.it.

Stampa questo articolo