Le tante sfide cui non possiamo sottrarci

Dopo un 2013 particolarmente difficile, il primo anno in cui gli esiti della crisi economica si sono fatti sentire pesantemente anche a livello locale, l’augurio per il 2014 del Presidente della FISH Lazio è quello di «ritrovare nuova linfa e capacità di rappresentanza», di fronte alle «tante sfide cui non possiamo sottrarci e a cui dovremo saper rispondere tutti insieme in maniera adeguata»

Uomo in carrozzina che gioca a biliardoIl 2013 si è caratterizzato come il primo anno in cui gli esiti della crisi economica si sono fatti sentire a livello locale. Infatti, le continue riduzioni degli impegni economici dello Stato avviati negli anni precedenti con la progressiva estinzione del Fondo Nazionale delle Politiche Sociali e l’azzeramento del Fondo per la Non Autosufficienza, accompagnati da una forte riduzione dei trasferimenti agli Enti Locali, hanno prodotto una condizione di difficile sostenibilità della spesa sociale a livello comunale.
Non eravamo pronti ad affrontare la scure dei continui attacchi a uno stato sociale già fortemente compromesso. Attacchi agli unici diritti soggettivi perfetti: le provvidenze economiche in favore delle persone invalide, i benefici assistenziali dei permessi della Legge 104/92. Non ultimo la revisione dell’ISEE, l’Indicatore della Situazione Economica equivalente.

Abituati ad operare per il miglioramento delle condizioni di vita delle persone disabili e delle loro famiglie, siamo alle prese con una nuova fase che, forse, rischia di trovarci inadeguati. I primi segnali, tipici della logica della difesa del proprio “orticello”, sono rappresentati dalle rivendicazioni sempre più corporative. Rappresentative di bisogni specifici.
Qualcuno aveva avvisato che, in periodo di crisi economica, il rischio di frammentazione della coesione sociale avrebbe potuto sviluppare la difesa di particolarismi, fino a giungere alla difesa di personalismi. È una condizione che non possiamo permetterci, perché indebolirebbe irreparabilmente la nostra fragile capacità contrattuale.
Chi pensa di poter risolvere da solo e per se stesso le difficoltà non fa altro che “segare il ramo dove si è seduto”. Il momento resta difficile e di tutto abbiamo bisogno tranne che di divisioni laceranti e di populismi di circostanza.

Ciò detto, credo che a livello locale, come FISH Lazio (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), abbiamo riavviato una serie di contatti che ci auguriamo possano difendere – per poi rilanciarle – le azioni in favore delle persone con disabilità.
La Proposta di Legge Regionale sui Servizi Sociali è stato il primo banco di prova in cui siamo riusciti ad incidere, nonostante ci sia ancora da lavorare. Il riordino dei tirocini rappresenta un altro tassello che in extremis siamo riusciti a ricondurre su un piano di compatibilità con le norme esistenti, superando gli strappi iniziali alla chiusura dei tirocini di riabilitazione e inclusione sociale. Abbiamo inoltre colto l’occasione per far presentare alla Regione Lazio progetti sperimentali di vita indipendente, attraverso un piccolo finanziamento dello Stato. Un serio lavoro di prospettiva andrà quindi realizzato nel 2014 rispetto al POR (Programma Operativo Regionale) per l’utilizzo dei Fondi Europei 2014-2020, occasione importante per realizzare politiche attive di inclusione sociale delle persone con disabilità.
Il lavoro dovrà essere la prima frontiera del 2014, cercando di avviare il confronto sull’atto di indirizzo in materia di collocamento e operativamente con il POD (Programma Operativo Disabili) nel quale determinare le priorità, con le relative risorse. E anche l’istruzione, altro aspetto nel quale siamo in fase di attivazione grazie all’Ufficio Scolastico Regionale, con il quale si sta avviando un gruppo di lavoro interistituzionale.
Qualche attesa in più avevamo con Roma Capitale, rispetto all’assistenza alla persona, rimasta ferma alle intenzioni di revisione a tutt’oggi disattese. Qualcosa, invece, si muove a fatica rispetto al tema del trasporto individuale, anche se pure lì il percorso appare ancora da ridisegnare.

Insomma, un anno da poco finito che, seppur difficile, spero sia stato in grado di farci ritrovare nuova linfa e capacità di rappresentanza, mentre l’ anno nuovo porterà con sé una serie di sfide cui non possiamo sottrarci e a cui sapremo tutti insieme rispondere in maniera adeguata.

Presidente della FISH Lazio (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).

Stampa questo articolo