Dalla risposta ai bisogni al riconoscimento dei diritti

Si chiama appunto “ICF – Convenzione ONU – Diritti umani. Dalla risposta ai bisogni al riconoscimento dei diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie” l’incontro promosso per il 22 gennaio dall’Associazione CSPDM (Centro Studi Pedagogia della Mediazione), presso un Istituto Comprensivo di Roma

Giampiero Griffo

Giampiero Griffo, uno dei “padri italiani” della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, parteciperà all’incontro del 22 gennaio a Roma

È in programma per mercoledì 22 gennaio a Roma, presso l’Istituto Comprensivo Marta Russo (sede di Via Alessandrini, ore 17), l’incontro denominato ICF – Convenzione ONU – Diritti umani. Dalla risposta ai bisogni al riconoscimento dei diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie, iniziativa promossa dall’Associazione CSPDM (Centro Studi Pedagogia della Mediazione), ente formativo accreditato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, nell’àmbito del Progetto Lavorare Insieme Migliora (II Annualità). Progettare la Qualità di Vita a Scuola secondo ICF e la Matrice Ecologica: princìpi e pratiche per DF PDP PEI e PDP*.

Vi interverranno Cristina Bochicchio, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Marta Russo di Roma, Vito Bardascino, presidente del CSPDM, Giampiero Griffo, membro dell’Esecutivo Mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International) e Riccardo Callori di Vignale, neuropsichiatra infantile dell’Unità Operativa di Tutela della Salute Mentale e della Riabilitazione in Età Evolutiva del Distretto 12 dell’ASL RM C. (S.B.)

*Per DF, PDP, PEI e PDP si intendono rispettivamente la Diagnosi Funzionale, il Profilo Dinamico Funzionale, il Piano Educativo Individualizzato e il Piano Didattico Personalizzato. L’ICF è la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, introdotta nel 2001 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: cspdm.segreteria@cspdm.org.

Il CSPDM (Centro Studi Pedagogia della Mediazione), nato a Eboli (Salerno), ma con sede anche a Brescia, è una ONLUS di professionisti con esperienze e competenze diversificate, complementari e riconosciute in Italia e all’estero, nell’àmbito dei processi educativi, abilitativi, clinici e psicologici.
L’orientamento culturale e l’azione multidimensionale e multidisciplinare posti in essere dall’Associazione sono finalizzati a favorire l’esercizio dei diritti umani e di cittadinanza per tutte le persone con disabilità mentali, intellettive ed evolutive e/o in condizione di disagio personale o di marginalità, in qualunque fase del loro ciclo di vita e in funzione dell’inclusione scolastica, lavorativa e sociale, secondo i principi della Qualità di Vita.

Stampa questo articolo