L’amore che supera le barriere

«Vogliamo informare e aumentare la visibilità di queste tematiche, contribuendo in tal modo al percorso verso l’affermazione personale e sociale delle persone con disabilità»: così i responsabili dell’AISA Lazio (Associazione Italiana per la Lotta alle Sindromi Atassiche) presentano la giornata organizzata per il 14 febbraio ad Aprilia (Latina), incentrata sull’affettività e la sessualità delle persone con disabilità

Oriella Orazi, "Nell'amore n. 1" (particolare)

Oriella Orazi, “Nell’amore n. 1” (particolare)

In occasione della Festa di San Valentino, l’AISA Lazio (Associazione Italiana per la Lotta alle Sindromi Atassiche) promuove l’evento denominato L’amore che supera le barriere, in programma appunto venerdì 14 febbraio 2014 ad Aprilia (Latina) (Sala Manzù della Biblioteca Comunale, Via Marconi, ore 16).
«La vita sessuale e affettiva delle persone con disabilità – spiegano i responsabili dell’Associazione organizzatrice – è tuttora un tema messo sotto silenzio, su cui si addensano imbarazzo, equivoci e pregiudizi. Ancora oggi, infatti, sono negate, in molti casi, le legittime aspirazione alla felicità di quasi due milioni di cittadini e cittadine italiani con disabilità, che non possono quindi autorealizzarsi e vivere la propria vita in pienezza e responsabilità».
«Oggi più che in passato – sottolineano ancora dall’AISA Lazio – le difficoltà che le persone con disabilità fisica si trovano ad affrontare riguardo alla propria sessualità non possono più essere negate o ignorate, sia per la maggiore espansione della coscienza della persona con disabilità, sia per la crescente sensibilità da parte della società. Il nostro obiettivo, quindi, è quello di informare e rendere consapevole la cittadinanza, aumentando la visibilità di queste tematiche e contribuendo in tal modo al percorso verso l’affermazione personale e sociale delle persone con disabilità».

La giornata sarà aperta da Laura Elke D’Apolito, laureata in Psicologia Clinica all’Università della Valle d’Aosta, con la tesi denominata La sessualità della donna con disabilità fisica: una ricerca empirica sul territorio nazionale, della quale anche il nostro giornale si è ampiamente occupato qualche tempo fa.
Verrà poi proiettato un estratto del docu-film Sesso, Amore & Disabilità, diretto da Adriano Silanus e progettato dallo stesso insieme a Priscilla Berardi, Raffaele Lelleri, Jonathan Mastellari e Valeria Alpi, opera incentrata sulla testimonianza di alcune persone con disabilità fisica, riguardante la loro vita sessuale e affettiva.
Il dibattito conclusivo sarà poi moderato da Carlo Rossetti, presidente onorario e responsabile per i Rapporti Istituzionali dell’AISA. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficio.stampa@centroeuropeoatassie.it, comunicazioni@centroeuropeoatassie.it.

Stampa questo articolo