Proviamo a visualizzare la “vita Scatt…Abile”

Tutti possono partecipare gratuitamente, entro il 30 maggio, al concorso fotografico denominato “Scatt…Abili”, promosso dall’Associazione torinese Greta e la Nuvola, per sensibilizzare sulla conoscenza delle difficili condizioni di vita che una persona con disabilità deve affrontare, a causa dei tanti ostacoli, materiali e non, ancora presenti nella nostra società

Logo del concorso fotografico "Scatt...Abili"«Scatto la mia abilità per unire le nostre diversità»: nasce all’insegna di questo messaggio – riportato anche nel logo dell’iniziativa – il concorso fotografico denominato Scatt…Abili, cui tutti (minorenni compresi, con il consenso dei genitori o del tutore legale) possono partecipare gratuitamente, entro il 30 maggio prossimo, con un massimo di due immagini, nelle categorie Colore e Bianconero.
A promuovere l’iniziativa è stata l’Associazione torinese Greta e la Nuvola, «per sensibilizzare – come si legge nel bando – sulla conoscenza delle difficili condizioni di vita che un disabile deve affrontare, che spesso vengono taciute o con indifferenza ignorate. Inoltre si desidera promuovere una riflessione rispetto all’abbattimento di quegli ostacoli, materiali e non, che rendono chi è diversamente abile un “non adatto” alla vita».

«Nel quotidiano – spiega Nella Paletta, presidente di Greta e la Nuvola – veniamo frequentemente sfiorati da storie che spesso non ci appartengono, ma che a volte sono il nostro vissuto. Con questa iniziativa, dunque, vorremmo contribuire ad abbattere il muro di silenzio che circonda la disabilità, cogliendo momenti, situazioni, paradossi, ciò che fa la differenza solo per alcuni, la solidarietà o l’egoismo. Ovvero la “vita Scatt…Abile a 360 gradi”, che racchiude amore, gioia, dolore, delusione e allegria nella differente abilità».
L’Associazione Greta e la Nuvola è nata per lo più allo scopo di sensibilizzare enti e persone sulle problematiche relative a chi soffre di Malattie Rare o altre gravi patologie, garantendo sostegno morale ed economico alle famiglie e ai malati. Inoltre, per quanto possibile, cerca di sostenere a livello economico quei Centri che si occupano di riabilitazione di pazienti in stato vegetativo, con sindrome da locked-in, SLA (sclerosi laterale amiotrofica), cerebrolesioni gravi e Malattie Rare in genere. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: greta-e-la-nuvola@libero.it.

Stampa questo articolo