- Superando.it - http://www.superando.it -

La disabilità al “Grande Fratello”: che dirà il pubblico?

Valentina Acciardi

Un bel primo piano di Valentina Acciardi durante la puntata d’esordio del “Grande Fratello 2014”

Dal monologo della Littizzetto in prima serata al Festival di Sanremo, di cui avevo avuto occasione di scrivere qualche giorno fa su queste stesse pagine, alla prima serata del Grande Fratello su Canale 5, il filo conduttore, per quel che mi riguarda, è il tema della disabilità. Lì la “Luciana nazionale” che abbraccia l’argomento nel suo insieme, qui Alessia Marcuzzi, e i due opinionisti che la affiancano, Manuela Arcuri e Cesare Cunaccia, alle prese con una concorrente disabile.
Le analogie stanno nella presenza di un grande pubblico, nell’inattitudine dei protagonisti ad occuparsi dell’argomento, che non è il loro mestiere, e nell’affrontare il tema della disabilità in un àmbito destinato all’intrattenimento. Le differenze stanno nel registro dell’intervento, da una parte l’ironia e dall’altra la retorica in senso ampio, e nella tipologia del medesimo: nella kermesse canora il contenuto era a tutto campo, mentre in quella “voyeuristica” l’attenzione era su un personaggio.

Dico personaggio e non persona perché Valentina Acciardi non è propriamente una sconosciuta. Nata nel 1980 a Torino, si ritrova adolescente con un fisico da schianto ed è al mondo dello spettacolo che ammicca facendo la modella, la hostess e partecipando a trasmissioni locali. Viene scelta per promuovere il marchio di Playboy e durante il viaggio per il relativo servizio subisce un incidente automobilistico che le fa perdere un braccio.
Sono passati dieci anni da allora, vive da sola, lavora presso un’Azienda Ospedaliera e non teme di mostrarsi in pubblico. Nel 2009, in occasione di Open To All, una serie di eventi sulla disabilità in quel di Torino, ha fatto parte del lavoro fotografico Disabile a chi?, realizzato da Paolo Ranzani, noto creatore di immagini attento ai temi della disabilità. Paolo la segue da quando era ragazzina e dice: «Questa è la cosa bella di Valentina, poteva perdere tutto in quell’incidente e invece è diventata qualcosa di più». E lei stessa sostiene: «Vi dimostrerò che un’invalidità non è invalidante e che a chi è capitato qualcosa e non l’ha saputo affrontare diamo la forza per affrontarlo».

Per chi è abituato ad avere a che fare con la disabilità grave, con una cecità assoluta o con una vita senza poter muovere le gambe, la disabilità di Valentina è lieve, tuttavia non va persa l’obiettività del caso e bisogna considerare che una vita senza un braccio, il braccio destro, è una vita complicata.
La scelta del Grande Fratello, quindi, è stata una scelta prudente: dopo anni di sollecitazioni, è entrata nella casa più guardata d’Italia una persona con disabilità. Non con una disabilità che avrebbe potuto “disturbare” il telespettatore, come quella di una persona in carrozzina che si sarebbe trovata a sbattere contro inevitabili ostacoli tecnici e mediatici (come la mostri mentre si accinge ad andare in bagno?), ma con una disabilità che comunque sollecita la riflessione dei telespettatori e dei coinquilini che, immagino, non si troveranno facilmente a proprio agio con una persona che fa le cose diversamente da loro e con la quale il linguaggio giusto è importante. Penso, per esempio, a chi avrà il coraggio di dirle: mi dai una mano?
La stessa conduttrice, nel presentarla, è stata cauta e sulla sua stessa linea la Arcuri. Ambedue sottolineano la vitalità della ragazza tendendo a glissare sulla disabilità. Va oltre Cesare Cunaccia, che parla direttamente di «capacità di superare l’handicap». Nulla di nuovo, pur dietro ai migliori intenti restano le carenze di lessico. E in effetti è molto curioso anche quello di Valentina che parla di «invalidità», concetto ormai relegato all’esclusivo antiquato burocratese. Quindi perché restarne imbrigliati? Proprio lei, tanto brillante?

La disabilità al Grande Fratello che assurge al titolo di elemento di curiosità popolare. Non è proprio un bene, ma almeno si guadagna la mostrina di argomento a latere non troppo tabù.
Come reagirà il pubblico? Potrà essere occasione d’inclusione? Intanto Cesare Cunaccia si chiede come reagiranno i coinquilini della casa. E fa benissimo.

Testo apparso anche in “InVisibili”, blog del «Corriere della Sera.it» (con il titolo “La disabilità al Grande Fratello è stata nominata”). Viene qui ripreso, con alcuni riadattamenti al diverso contenitore, per gentile concessione.