Un libro che dà voce ai cittadini

È stata l’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo ad organizzare a Montesilvano (Pescara) la presentazione del libro “Lo dico al TG”, pubblicato da Umberto Braccili, giornalista che vi ha raccolto numerose segnalazioni pervenute a una rubrica settimanale da lui condotta sul TGR Abruzzo. Parte del ricavato dalle vendite del volume servirà all’acquisto di un puntatore oculare utilizzato per le persone con grave disabilità

Umberto Braccili

Il giornalista Umberto Braccili

È stato presentato presso il Comune di Montesilvano (Pescara) Lo dico al TG, libro recentemente pubblicato per l’Editore Ricerche&Redazioni di Teramo, dal giornalista Umberto Braccili, che vi ha raccolto un’ampia parte delle segnalazioni pervenute alla rubrica Lo dico al TGR, da lui stesso condotta settimanalmente sul TGR Abruzzo.
A promuovere l’incontro è stata l’Associazione Carrozzine Determinate Abruzzo, «colpita – come sottolinea il presidente della stessa Claudio Ferrante – dal coraggio, dalla sensibilità e dall’onestà di Braccili il cui libro racconta storie di disagio, di soprusi e di sperperi di denaro pubblico da parte delle Amministrazioni dell’Abruzzo. E dare voce alla gente comune, denunciare le violazioni dei diritti umani è proprio ciò che la nostra Associazione persegue da anni».
Tra le centocinquanta storie narrate nel libro, poi, vi è anche spazio per la manifestazione del settembre 2013, che aveva visto numerose persone protestare presso il Consiglio Regionale dell’Aquila, ciò che ha successivamente portato a ottenere una serie di importanti risultati, come avevamo anche ampiamente riferito nel nostro giornale.
Da ultimo, ma non certo ultimo, il fatto che parte del ricavato dalle vendite del volume è stata devoluta alla stessa Associazione Carrozzine Determinate, che ha rinunciato a propria volta al contributo, “girandolo” ad Abilbyte ONLUS di Pineto (Teramo), organizzazione presieduta da Manolo Pelusi, impegnata ad offrire consulenza gratuita alle persone con disabilità che vogliano usufruire di ausili informatici. La somma, in particolare, verrà utilizzata per l’acquisto di un puntatore oculare utilizzato per le persone con gravi disabilità. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: carrozzinedeterminate@hotmail.it.

Stampa questo articolo