La prima volta di Diversitalavoro in Sicilia

Sta infatti per arrivare nell’Isola – ciò che succederà il 12 e il 13 marzo a Catania – il progetto che favorisce l’incontro anche delle persone con disabilità con aziende che offrono opportunità di lavoro, e che in questi anni ne ha già aiutate molte a trovare un’occupazione. Come recentemente a Napoli, anche nella città etnea la due giorni sarà aperta da una tavola rotonda, dedicata in questo caso al tema del “Diversity Management”

Giovane con disabilità presenta il suo curriculum a un'edizione di Diversitalavoro

Giovane con disabilità presenta il suo curriculum a un’edizione di Diversitalavoro

Come avevamo segnalato nei giorni scorsi, presentando l’appuntamento di Napoli, sta per arrivare per la prima volta in Sicilia Diversitalavoro, il progetto nato tra il 2007 e il 2008 – da noi seguito puntualmente in questi anni -, che si propone di favorire l’incontro delle persone con disabilità e di altre “fasce deboli”, con aziende che offrono opportunità di lavoro. L’iniziativa, lo ricordiamo, è stata promossa dal Dipartimento della Presidenza del Consiglio UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali), insieme al Gruppo People, alla Fondazione Sodalitas e alla Fondazione Adecco per le Pari Opportunità.

Sarà dunque l’Università di Catania (Edificio Nuova Didattica della Cittadella Universitaria) a ospitare mercoledì 12 e giovedì 13 marzo la due giorni di lavoro che, come già a Napoli, verrà aperta il 12 (ore 9.30-13) dall’interessante tavola rotonda denominata Inclusione socio-lavorativa: il Diversity Management per comprendere e gestire le differenze, promossa in collaborazione con il CInAP (Centro per l’Integrazione Attiva e Partecipata) dell’Ateneo ospitante.
Dopo i saluti di Giacomo Pignataro, rettore dell’Università di Catania, di Paolo Mancarella della Conferenza Nazionale Universitaria dei Delegati per la Disabilità e di Massimo Oliveri, delegato alla Presidenza del CInAP, moderati dal giornalista Giuseppe Rizzo, interverranno Giampiero Griffo, membro dell’Esecutivo Mondiale di DPI (Disabled Peopoles’ International); Paolo Beretta di Diversitalavoro; Eugenio Aguglia, direttore della Clinica Psichiatrica dell’Università di Catania; Santo Di Nuovo, che nel medesimo Ateneo è ordinario di Psicologia presso il Dipartimento di Scienze della Formazione; Roberto Ortoleva, responsabile degli interventi di rete nel Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) 3 di Catania; Rosario Faraci, responsabile per Italia Lavoro del Progetto Servizi per l’inclusione socio lavorativa dei soggetti svantaggiati 2012-2014; Fausto Piazza, direttore territoriale dell’Ufficio Provinciale del Lavoro di Catania; Dino Barbarossa, presidente della Fondazione ÈBBENE; Concetta Vaccaro, coordinatrice del Consorzio Idea Agenzia per il Lavoro; Paolo Ragusa, presidente del Consorzio Cara Mineo; Piero Sapienza dell’Ufficio Pastorale dei Problemi Sociali e del Lavoro della Diocesi di Catania; Fabrizio D’Aprile, Adina Celana e Fortunato Parisi, rappresentanti rispettivamente della CGIL, della CISL e della UIL locali.
Concluderanno l’incontro la testimonianza di A. Torrisi, direttore generale del CESARD (Centro Studi Assistenza Recupero Disabili) e quelle di alcuni studenti assunti per il tramite del servizio di Placement/Collocamento Mirato del CINAP. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@diversitalavoro.it; cinap2@unict.it.

Stampa questo articolo