Parole e azioni che includono

È in programma per la mattinata del 13 marzo a Palazzo Reale di Napoli il convegno denominato “Terzo Settore e comunicazione sociale: parole e azioni che includono. Il vocabolario sociale. Per una nuova deontologia dell’informazione”, durante il quale verrà appunto presentato il manuale divulgativo intitolato “Il vocabolario sociale”

Punto interrogativo composto da varie parole e sotto la scritta "vocabolario sociale"Sono stati l’Agenzia Cittadina per la Promozione del Terzo Settore, insieme al Comune di Napoli, allo Studio ERRESSE (Risorse e Strategie per il Murtamento Sociale), a L’APE (Agenzia per la Promozione della Cooperazione Sociale), a Consul Service, al Gruppo di Imprese Sociali GESCO e in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Campania e con l’Agenzia «Redattore Sociale», a promuovere per giovedì 13 marzo a Napoli (Palazzo Reale, Sala dell’Accoglienza della Soprintendenza, Piazza del Plebiscito, 1, ore 9-13.30), il convegno denominato Terzo Settore e comunicazione sociale: parole e azioni che includono. Il vocabolario sociale. Per una nuova deontologia dell’informazione.

Dopo i saluti istituzionali di Roberta Gaeta, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, di Giorgio Cozzolino, soprintendente per i Beni Culturali di Napoli e Provincia e di Vincenzo Esposito e Lucio Perone, consiglieri dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, sono previste due sessioni, alla prima delle quali, moderata da Francesco Romanetti, giornalista del «Mattino» e intitolata Il vocabolario sociale – Presentazione, interverranno i curatori dello stesso, Fabio Corbisiero (Perché un vocabolario sociale), Nicola De Blasi (Aspetti linguistici della comunicazione sociale) e Ida Palisi (Per una nuova deontologia dell’informazione), oltre a Patricia Bianchi, docente di Linguistica Italiana all’Università Federico II di Napoli e a Giampiero Griffo, responsabile della Sezione sulle Diversità della Biblioteca Nazionale di Napoli e membro dell’Esecutivo Mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International).
La seconda sessione, invece (Le parole e le azioni. Strategie di sviluppo per il Terzo Settore), sarà introdotta da Marco Musella, direttore del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Federico II e vi parteciperanno – coordinati da Giuseppe Cascone, consulente e formatore dello Studio ERRESSE – Carlo Maria Cananzi, presidente dello stesso Studio ERRESSE, Luca Sorrentino, presidente dell’APE, Claudio Esposito, presidente di Consul Service e Sergio D’Angelo, direttore del Gruppo di Imprese Sociali GESCO.
A trarre le conclusioni dell’incontro sarà Giulietta Chieffo, direttore centrale per il Welfare e i Servizi Educativi del Comune di Napoli. (S.B.)

Ringraziamo Giampiero Griffo per la segnalazione.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@agenziaterzosettorenapoli.it.

Stampa questo articolo