Si amplia la rete dei Centri d’Ascolto Duchenne

Con l’inaugurazione, infatti, del Centro Ascolto Duchenne (CAD) della Liguria, in programma per il 14 marzo a Genova, aumentano ancora questi servizi gratuiti di consulenza specialistica – aperti anche a clinici, operatori socio-sanitari e insegnanti – voluti dall’Associazione Parent Project, per assicurare informazioni e aggiornamento continuo sulle varie problematiche connesse alla distrofia muscolare di Duchenne e a quella di Becker

Cristina Lodi

Parteciperà anche Cristina Lodi, presidente della Commissione Welfare del Consiglio Comunale di Genova, all’incontro di inaugurazione del CAD Liguria (Centro Ascolto Duchenne)

I CAD (Centri d’Ascolto Duchenne) sono servizi gratuiti di consulenza specialistica – aperti anche a clinici, operatori socio-sanitari e insegnanti – voluti dall’Associazione Parent Project e già presenti in varie Regioni, per assicurare informazioni e un aggiornamento continuo sulle varie problematiche mediche, sanitarie e sociali connesse alla distrofia muscolare di Duchenne e alla sua variante più lieve di Becker, ovvero a due tra le più gravi e invalidanti forme di malattie neuromuscolari.
Già funzionante dall’ottobre scorso, verrà ora ufficialmente inaugurato venerdì 14 marzo a Genova (ore 11,00 presso la Sala del Consiglio del Municipio III, ore 11) anche il CAD Liguria, attivo in collaborazione con le reti del Terzo Settore e nato da un progetto pilota finanziato nel 2002 dagli Istituti di Santa Maria in Aquiro, istituzione pubblica di assistenza e beneficenza di Roma e naturalmente da Parent Project.

Aperto da Massimo Ferrante, presidente del Municipio Bassa Val Bisagno e da Filippo Buccella, presidente dell’Associazione Parent Project, l’incontro di Genova potrà contare poi sugli interventi di Carlo Minetti, primario dell’Unità Operativa di Malattie Muscolari e Neurovegetative dell’Istituto Gaslini di Genova e Claudio Bruno, specialista della medesima struttura (Ruolo e attività di Parent Project ONLUS a fianco di famiglie e medici), di Maria Romana Dellepiane, direttore sanitario del Distretto 12 Valtrebbia/Valbisagno dell’ASL 3 (Malattie Rare e rete dei servizi territoriali), di Dino Castiglioni dell’ Ufficio Scolastico Regionale (Disabilità e scuola: focus sui Bisogni Educativi Speciali), di Rita Hervatin, coordinatrice regionale del Tribunale per i Diritti del Malato (Il ruolo del Tribunale per i Diritti del Malato), di Cristina Lodi, consigliere comunale e presidente della Commissione Welfare del Comune di Genova e di Tiziana D’Auria, coordinatrice nazionale dei CAD di Parent Project (La presenza del CAD a livello locale e sviluppo 2014).
A seguire è prevista La voce delle famiglie, con un intervento di Sara Magliano, mentre la chiusura sarà affidata a Virginia Bizzarri del CAD Liguria (Audit Civico e programma delle attività sul territorio nel 2014). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa Parent Project (Fiammetta Biancatelli), f.biancatelli@parentproject.it.

Stampa questo articolo