Canestri europei in favore delle persone con fragilità

Toccherà infatti questa volta all’Associazione milanese Oltre noi… la vita – da molti anni impegnata nella protezione giuridica di tutte le persone con fragilità – usufruire di una parte dell’incasso della partita di basket che si disputerà il 21 marzo tra l’EA7 Olimpia Milano e l’Anadolu Efes Istanbul, nell’àmbito della bella iniziativa denominata “La solidarietà va a canestro”

Immagine di repertorio di una partita tra l'EA7 Olimpia Milano e l'Anadolu Efes Istambul

Immagine di repertorio di una partita di basket tra l’EA7 Olimpia Milano e l’Anadolu Efes Istambul

Toccherà questa volta all’Associazione milanese Oltre noi… la vita – organizzazione che opera in Lombardia occupandosi soprattutto della protezione giuridica di tutte le persone con fragilità e che è capofila, tra l’altro, del progetto per l’assistenza di sostegno, denominato Insieme a Sostegnousufruire della bella iniziativa La solidarietà va a canestro, basata su un accordo tra il Progetto VOCE Casa del Volontariato e la storica Società di pallacanestro Olimpia Milano, grazie al quale una parte degli incassi delle partite casalinghe di Campionato e di Eurolega che il team meneghino sta giocando in questa stagione, viene devoluta a scopo benefico.

In sostanza, ciascuna delle Associazioni coinvolte ha a disposizione una partita dell’Olimpia e in tale occasione ha la possibilità di promuovere un proprio progetto o una specifica attività, come ad esempio avevamo già segnalato recentemente anche per la LEDHA (Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità).
Nello specifico, si tratta dell’importante partita di Eurolega – torneo in cui la squadra italiana sta ottenendo ottimi risultati – contro la compagine turca dell’Anadolu Efes Istanbul, in programma per venerdì 21 marzo (Mediolanum Forum di Assago, ore 21). (S.B.)

Per acquistare direttamente i biglietti della partita, che servono a finanziare le attività di Oltre noi… la vita, cliccare qui. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Gabriella Mosca, gabriellamosca@me.com.

Stampa questo articolo