Il Diritto di Amare

Sarà centrata sul tema “Il Diritto di Amare. Amare è possibile”, la giornata organizzata per il 28 marzo a Ragusa dall’ANFFAS locale (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), nell’àmbito delle tante iniziative previste in tutta Italia dall’“ANFFAS Open Day”, la “VII Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e/o Relazionale”

Immagine sfuocata in bianco e nero di una donna e di un uomo viciniTra i vari eventi previsti in tutta Italia per l’ANFFAS Open Day del 28 marzo, VII Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, di cui il nostro giornale ha già ampiamente riferito nei giorni scorsi, segnaliamo oggi la giornata di sensibilizzazione sul tema Il Diritto di Amare. Amare è possibile, promossa dall’ANFFAS di Ragusa (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), sempre per venerdì 28 marzo, presso l’Auditorium San Vincenzo Ferreri di Ragusa Ibla.

Aperta dal seminario formativo intitolato Sessualità e disabilità tra desiderio, diritti e contesti (ore 10.30), condotto da Luigi Croce, psichiatra, presidente del Comitato Scientifico dell’ANFFAS Nazionale e docente di Pedagogia Speciale all’Università Cattolica del Sacro Cuore (sede di Brescia), l’iniziativa proseguirà nel pomeriggio con un susseguirsi di eventi, da un atelier cinematografico a una performance dei giovani dell’ANFFAS Ragusa, culminante con la presentazione del murale Un cuore oltre il cemento, realizzato in collaborazione con il Gruppo Scout CNGEI Ragusa 1.

«Si tratterà – spiega Salvatrice Cilia, direttore dell’ANFFAS Ragusa – di un’occasione importante per la nostra Associazione di aprire le porte all’intera collettività, per promuovere la cultura dei diritti, offrendo una testimonianza tangibile ed evidente dei nostri valori di riferimento, della nostra storia e anche della nostra visione del futuro. Attraverso questo Open Day, quindi, tutti i cittadini che lo vorranno potranno partecipare a una grande festa e conoscere al tempo stesso la quotidianità di chi vive con una disabilità intellettiva e/o relazionale. E sarà un momento particolarmente importante nella nostra battaglia per combattere stereotipi, pregiudizi e discriminazioni, affermando l’ideale secondo cui tutti hanno il diritto di vivere nella società con la stessa libertà di scelta delle altre persone». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@anffasragusa.org.

Stampa questo articolo