Porte aperte per l’inclusione e per informare i cittadini

Oggi, 28 marzo, è la “VII Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e/o Relazionale”, manifestazione nazionale promossa e organizzata dall’Associazione ANFFAS, che quest’anno, per perseguire il proprio obiettivo di informazione e sensibilizzazione sui temi della disabilità intellettiva e/o relazionale, si sta declinando in un vero e proprio “Open Day”, fatto di decine di iniziative in tutta Italia

Persone dell'ANFFAS (foto di ANFFAS Lanciano)

Alcune tra le migliaia di persone che compongono la “grande famiglia ANFFAS” (foto di ANFFAS Lanciano)

Come già segnalato nei giorni scorsi, si celebra oggi, 28 marzo, la VII Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, manifestazione nazionale promossa e organizzata dall’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), che quest’anno, per perseguire il proprio obiettivo di informazione e sensibilizzazione sui temi della disabilità intellettiva e/o relazionale, si sta declinando in un vero e proprio Open Day.
Oggi, infatti, chiunque lo vorrà potrà partecipare o assistere alle tante attività previste nelle oltre 250 strutture associative presenti sul territorio nazionale che, insieme ai 1.000 centri in cui l’ANFFAS da 56 anni si prende cura e carico di oltre 30.000 persone con disabilità e dei loro familiari, stanno aprendo le porte dei propri servizi e delle proprie sedi, con l’auspicio di accogliere quante più persone possibili per una giornata all’insegna dell’inclusione sociale che vedrà visite guidate, convegni, spettacoli e tante altre manifestazioni, con il diretto coinvolgimento e la partecipazione attiva delle persone con disabilità, dei soci, degli operatori, dei volontari e di quanti operano con e per l’Associazione.

«Iniziative come quella odierna – dichiara Roberto Speziale, presidente nazionale dell’ANFFAS – vogliono rappresentare un messaggio per riaffermare i princìpi e i diritti civili e umani sanciti dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, per fare in modo che nessuno venga più discriminato, escluso o emarginato a causa delle proprie condizioni di salute».
«Attraverso questo ANFFAS Open Day – aggiunge Speziale – ci siamo posti un duplice obiettivo: da una parte quello di promuovere l’inclusione sociale, dall’altra quello di far conoscere alla collettività tematiche che spesso non hanno visibilità e sono poste in secondo piano. È un impegno importante che però portiamo avanti con ottimismo e positività, per combattere stereotipi e pregiudizi e garantire a tutte le persone con disabilità, ai loro genitori e familiari, un futuro migliore e una buona qualità di vita». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: comunicazione@anffas.net.

Stampa questo articolo