Il cabaret per sensibilizzare sulla sindrome di Down

Sarà quello promosso per il 10 aprile a Milano dall’AGPD (Associazione Genitori e Persone con Sindrome di Down), con il cabaret di di Ale & Franz, Laura Magni e Alberto Patrucco. Il ricavato dell’iniziativa – che rientra tra quelle programmate in occasione della Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down di quest’anno – servirà a sostenere le attività di informazione e sensibilizzazione della stessa AGPD

Locandina dello spettacolo di cabaret del 10 aprile 2014 a Milano, in favore dell'AGPDAbbiamo già dedicato ampio spazio, nelle scorse settimane, alla nona Giornata Mondiale sulla Sindrome di Down del 21 marzo (World Down Syndrome Day), evento ufficialmente celebrato in tutti i Paesi del mondo dal 2006, ma proclamato ufficialmente dall’Assemblea Generale dell’ONU nel 2011, con l’invito a tutti gli Stati Membri, a partire dall’anno successivo, ad osservare appunto questa giornata per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica globale sulla sindrome di Down.
L’evento – vale la pena ricordarlo – è nato per promuovere il rispetto e l’integrazione nella società di tutte le persone con sindrome di Down, diffondendo al tempo stesso una maggiore consapevolezza e conoscenza sulla sidnrome stessa, nota, per altro, anche come trisomia 21 (essendo caratterizzata dalla presenza di un cromosoma in più, tre invece di due, nella coppia cromosomica n. 21 all’interno delle cellule), il che motiva la scelta della data del 21 marzo, per la Giornata Mondiale.

Rientra nel quadro delle iniziative promosse per la Giornata Mondiale di quest’anno anche l’imminente spettacolo di beneficenza promosso per giovedì 10 aprile all’Auditorium di Milano (ore 21) dall’AGPD (Associazione Genitori e Persone con Sindrome di Down) e patrocinato dalla Provincia del capoluogo lombardo, con il cabaret di Ale & Franz, Laura Magni e Alberto Patrucco.
Il ricavato della serata andrà appunto a sostenere le attività dell’AGPD, ONLUS che da venticinque anni si adopera per migliorare l’informazione sulla sindrome di Down e per far sapere a cittadini, istituzioni e aziende che le persone con sindrome di Down non sono semplicemente “soggetti bisognosi d’aiuto”, ma anche una risorsa umana preziosa per tutti.
«Operiamo inoltre – spiegano i responsabili dell’Associazione – per favorire tutte le potenzialità della persona con sindrome di Down e affiancare sia la famiglia che la persona nel raggiungimento di livelli di autonomia personale e di  piena inclusione sociale, scolastica e lavorativa, che consenta una vita di qualità. Si tratta infatti di un diritto fondamentale e di una necessità imprescindibile nel raggiungimento di una vita autonoma e indipendente». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: agpd@sindromedidown.it.

Stampa questo articolo