Impianti cocleari in Sicilia: meglio a Messina e a Catania

Nei casi di intervento di impianto cocleare fuori della Sicilia, la Regione arriva a sostenere spese di gestione triplicate e anche per le famiglie coinvolte non sono certo indifferenti i costi, prima e dopo l’intervento. Per questo l’ANSB (Associazione Nazionale Sordità senza Barriere) ha chiesto di dare maggiore visibilità e sostegno alle ottime strutture di Messina e Catania, durante un recente incontro con l’Assessorato Regionale alla Salute

Bimbo sottoposto a intervento di impianto cocleare

Bimbo sottoposto a intervento di impianto cocleare

Alla fine di marzo, alcuni componenti dell’ANSB, l’Associazione Nazionale Sordità senza Barriere, che ha sede a Monreale (Palermo), hanno avuto un incontro con l’Assessorato alla Salute della Regione Sicilia, per discutere innanzitutto sulla situazione degli impianti cocleari nell’Isola.
«In tale occasione – informa per l’ANSB Fabio Giarratana – abbiamo presentato la nostra relazione riguardante la situazione attuale, sottolineando la disponibilità di due ottime strutture a Messina e a Catania, che spesso, però, per mancanza di fondi, si trovano in grave difficoltà nello svolgimento delle proprie attività, sottolineando anche la questione della scarsa o assente informazione fornita dalla Sanità siciliana su quei due Centri, ciò che porta a sottovalutarne le grandi potenzialità».
«Con gli esponenti dell’Assessorato – prosegue Giarratana – ci siamo anche soffermati sulla spesa presumibilmente triplicata che la Regione può arrivare ad affrontare per un impianto cocleare effettuato fuori dell’Isola, a discapito dei due citati centri di riferimento di Messina e di Catania. E in tal senso abbiamo anche spiegato i costi non indifferenti che una famiglia deve sostenere, nel percorso precedente e successivo a un intervento di impianto cocleare effettuato fuori Regione».
L’incontro si è concluso con reciproca soddisfazione e con l’auspicio di una prossima, proficua collaborazione. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti:
presidenzanazionale@sorditasenzabarriere.it.

Stampa questo articolo