Un percorso di inclusione culturale

È quello che vede impegnata la FIADDA Roma (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), in collaborazione con il Teatro Tor Bella Monaca, per consentire alle persone sorde di usufruire della sovratitolazione durante gli spettacoli teatrali. E dal 2 al 4 maggio il progetto – denominato “Il teatro salta gli ostacoli” e presentato oggi al Campidoglio di Roma – riguarderà il nuovo spettacolo diretto da Alessandro Benvenuti

Nino Formicola, Alessandro Benvenuti e Francesco Gabbrielli in scena con "Tutto Shakespeare in 90 minuti"

Nino Formicola, Alessandro Benvenuti e Francesco Gabbrielli in scena con “Tutto Shakespeare in 90 minuti”

Continuano, ottenendo sempre ottimi risultati, le iniziative in àmbito culturale della FIADDA Roma (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), per consentire alle persone sorde di usufruire della sovratitolazione durante gli spettacoli teatrali e musicali.
E così, dopo la recente positiva collaborazione che il 18 e 19 aprile ha riguardato l’esibizione della Broadway Musical Orchestra, sarà ora la volta, sempre al Teatro Tor Bella Monaca, dello spettacolo Tutto Shakespeare in 90 minuti, diretto e interpretato da Alessandro Benvenuti, con Nino Formicola e Francesco Gabbrielli, che andrà in scena il 2, 3 e 4 maggio, all’interno del progetto denominato Il teatro salta gli ostacoli.
Quest’ultimo viene presentato oggi, 29 aprile, presso la Sala Piccola della Protomoteca del Campidoglio (ore 12), nel corso di una conferenza stampa cui parteciperanno il citato attore Alessandro Benvenuti e Filippo D’Alessio, direttore artistico e direttore del Teatro Tor Bella Monaca, insieme a Paolo Masini ed Erica Battaglia, rispettivamente assessore alle Periferie e ai Lavori Pubblici e presidente della Commissione Politiche Sociali di Roma Capitale, Emilia del Fante, presidente della FIADDA Roma e Valeria Cotura, responsabile per quest’ultima Associazione per l’Accessibilità e la Fruizione della Cultura. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Monica Brizzi (m.brizzi@brizzicomunicazione.it).

Stampa questo articolo