Esperienze a confronto sul turismo accessibile

Proseguono a ritmo serrato le iniziative promosse nella Valdichiana aretina dall’Associazione Tuscaneasy di Cortona, in àmbito di turismo accessibile. Infatti, dopo un primo ciclo promozionale di corsi di formazione, rivolti agli operatori del turismo, è ora in programma per il 17 maggio un convegno-evento a Cortona, che potrà contare sulla presenza di autorevoli ospiti dall’Italia e dall’estero

Corso di formazione promosso da Tuscaneasy

Uno dei corsi di formazione sulle buone pratiche di accoglienza, promossi dall’Associazione Tuscaneasy di Cortona

Dopo un primo ciclo promozionale di corsi di formazione sulle buone pratiche di accoglienza, rivolti agli operatori del turismo e indetti nei principali Comuni della Valdichiana aretina, l’Associazione Tuscaneasy di Cortona (Arezzo) – nata per volontà di un gruppo di soggetti pubblici e privati del territorio, per dare vita a un articolato progetto, legato all’accessibilità per persone con esigenze speciali – ha ora in programma per sabato 17 maggio (Centro Convegni di Sant’Agostino di Cortona, ore 10), un importante convegno-evento, intitolato Turismo accessibile, esperienze a confronto.
«L’obiettivo è chiaro – spiegano da Tuscaneasy -: fornire elementi concreti e preziosi per la costruzione del modello di sviluppo del turismo sostenibile e accessibile, nel rispetto delle pari opportunità. E vogliamo farlo con un appuntamento di livello, contando su ospiti di caratura nazionale e internazionale, che analizzeranno accuratamente il complesso mondo dell’accessibilità turistica, a partire dalle sue opportunità di sviluppo di mercato, illustrando modelli già sperimentati e strumenti utili alla sua crescita, per giungere alla costruzione di nuove opportunità di impresa, di lavoro e di inclusione sociale nel nostro territorio».

Tra i relatori del 17 maggio, dunque, vi saranno Philip Scott, tour operator inglese, che racconterà la sua esperienza trentennale nel settore del turismo accessibile, Laura Annagrazia, dirigente dell’ENAT (European Network for Accessible Tourism), che tratterà il tema La crescita esponenziale della domanda nel mercato del turismo accessibile ed Enrico Giovannone, membro del Progetto Stoccolma – Città accessibile.
Porteranno inoltre il loro contributo anche Roberto Vitali, presidente e fondatore di Village for all (V4A), la nota rete che conferisce il marchio internazionale dell’ospitalità accessibile, Beatrice Benesperi del CRID Toscana, il Centro Regionale di Informazione e Documentazione dedicato all’accessibilità, Domenico Prattichizio dell’Università di Siena, che si occuperà delle tecnologie legate all’accessibilità e l’imprenditore toscano Marco Bartoletti, della Società toscana BB.
Non mancherà spazio nemmeno per esperienze locali, come quella del MAEC (Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona), ritenuto un ottimo esempio di accessibilità e fruibilità alle persone con disabilità.

Al termine del convegno, è in programma anche una tavola rotonda sul tema del possibile sviluppo in Valdichiana di questo settore turistico e delle sue ricadute positive nel territorio, cui prenderanno parte rappresentanti delle Istituzioni, imprenditori privati e pubblici, associazioni rappresentative delle persone con disabilità e istituti finanziari.
Sono previste poi alcune iniziative collaterali, ovvero le due mostre fotografiche denominate rispettivamente Tres Tres Tres – racconto per immagini della storia di tre fratelli con autismo, a cura di José Antonio de Lamadrid – e Punti di Vista, lavoro degli studenti dell’Istituto Superiore Luca Signorelli di Cortona.
Presso la sede del convegno, infine, verrà allestita un’esposizione di progetti ed esperienze in corso nel territorio, sempre nell’àmbito del tema di giornata. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ufficio Stampa Associazione Tuscaneasy (Laura Lucente), l.lucente@icarocortona.it.

Stampa questo articolo