Elezioni Europee e Amministrative: istruzioni per l’uso

Voto assistito, voto in una Sezione priva di barriere e anche voto a domicilio: se ne occupa un ampio approfondimento proposto dal Servizio HandyLex.org, in vista della giornata elettorale del 25 maggio, mentre l’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) fornisce le indicazioni necessarie al voto dei cittadini con disabilità intellettiva

Seggio elettorale

Un seggio elettorale

Il voto assistito, con la possibilità per l’elettore di essere accompagnato in cabina, quello in un’altra Sezione, priva di barriere architettoniche, quando la propria sia inaccessibile, e anche il voto a domicilio per particolari situazioni: se ne occupa un ampio approfondimento proposto dal Servizio HandyLex.org cui rimandiamo senz’altro i Lettori, in vista del 25 maggio, giorno in cui, com’è noto, si voterà per il rinnovo del Parlamento Europeo e anche per le Elezioni Amministrative in oltre 4.000 Comuni del nostro Paese.

Sempre a proposito del voto del 25 maggio, da segnalare anche, doverosamente, il messaggio diffuso dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) – alla cui importante campagna denominata Il mio voto conta!, abbiamo dato ampio spazio nel 2013 – la quale ricorda ancora una volta che «i cittadini maggiorenni hanno tutti diritto di voto, anche coloro che abbiano una disabilità intellettiva e/o che siano stati sottoposti a interdizione». In questo caso rimandiamo a un’esauriente scheda sulla materia, realizzata dalla stessa AIPD. (S.B.)

Ricordiamo ancora l’approfondimento del Servizio HandyLex.org e la scheda prodotta dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down).

Stampa questo articolo