Uno sguardo sulla scuola e dintorni

Un incontro voluto per aprire una riflessione sull’integrazione scolastica, uscendo però dalla logica degli “specialisti”, per condividere e far crescere l’idea di cittadinanza attiva, ovvero parlando di integrazione a 360 gradi, a partire cioè dalla scuola in senso stretto, per arrivare a tutti gli altri àmbiti che coinvolgono la vita e la città. Sarà sostanzialmente questo il seminario in programma per il 24 maggio a Parma

Immagine della locandina del seminario di Parma, 24 maggio 2014

L’immagine utilizzata a corredo della locandina del seminario di Parma

È in programma per sabato 24 maggio a Parma (Palazzo del Governatore, Piazza Garibaldi, 2, ore 9), il seminario sull’integrazione scolastica intitolato Parma INtegrAZIONE – Sguardo sulla scuola e dintorni, incontro promosso dal Comune di Parma, dal Servizio Sanitario Regionale dell’Emilia Romagna (AUSL di Parma), dall’Ufficio Scolastico Regionale (Ambito Territoriale per la Provincia di Parma), dal CePDI (Centro Provinciale di Documentazione per l’Integrazione Scolastica, Lavorativa, Sociale) e dall’Università locale, con la collaborazione delle Cooperative Sociali Aurora Domus, Pro.Ges. e Società Dolce.

«Con questo seminario – spiegano i promotori dell’iniziativa -, realizzato in coprogettazione con il territorio, intendiamo coinvolgere tutta la città, Istituzioni e non, aprendo una riflessione sull’integrazione scolastica e non solo e uscendo dalla logica degli “specialismi”, per condividere e far crescere l’idea di cittadinanza attiva, ossia l’idea che l’integrazione deve e può avvenire in ogni luogo. La finalità è infatti quella di parlare di integrazione a 360 gradi, a cominciare dall’àmbito scolastico – dalla scuola materna all’università -, per arrivare agli altri settori che coinvolgono la vita e la città: i campi da calcio, gli oratori, le piscine, le palestre, ma anche i negozi, i teatri, i vicini di casa e tanto altro».
Partendo da questo concetto, dunque, si darà voce, il 24 maggio, alle testimonianze delle persone che, giorno dopo giorno, vivono l’integrazione delle persone con disabilità: i genitori, gli insegnanti, gli educatori, le associazioni e le realtà del territorio e anche i compagni di classe, grazie alla collaborazione e alla disponibilità della Consulta Studentesca.

Dopo i saluti di Laura Rossi, assessore comunale alle Politiche Sociali, Massimo Fabi, direttore generale dell’AUSL locale e Fernando Barbacini, direttore del CePDI, introdotti da Benedetta Squarcia, responsabile della Struttura Operativa Disabili del Comune di Parma, parteciperanno gli attori teatrali Franca Tragni e Carlo Ferrari, la sociologa Vincenza Pellegrino, il docente di Didattica e Pedagogia Speciale all’Università di Bologna Roberto Dainese, Emanuela Sani dell’AUSL di Parma, Massimo Parmigiani, dirigente scolastico della Scuola Albertelli-Newton, Rachele Camisa del Comune di Parma ed Emilia Caronna dell’Ateneo locale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Benedetta Squarcia (responsabile Struttura Operativa Disabili Comune di Parma), b.squarcia@comune.parma.it.

Stampa questo articolo