La creatività racconta i diritti

Si chiama così il progetto coordinato dalla FIADDA (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), in collaborazione con il CPA di Roma (Centro per l’Autonomia), che vivrà il 7 giugno a Roma il proprio evento finale, al termine di un percorso che ha consentito a numerosi giovani con e senza disabilità di organizzare incontri, interviste e laboratori creativi, raccogliendo un ampio repertorio di testi, immagini e video

Realizzazione grafica sulla creativitàSta per arrivare alla sua conclusione il progetto denominato La creatività racconta i diritti, promosso dall’Associazione FIADDA (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), in collaborazione con il CPA di Roma (Centro per l’Autonomia), con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio.
È infatti in programma per il 7 giugno a Roma (Aranciera di San Sisto, ore 18), l’evento finale di un percorso avviato un anno fa, che ha consentito a numerosi giovani con disabilità (motorie, sensoriali e intellettive) – e anche senza disabilità -, di organizzare incontri, interviste e laboratori creativi, tramite i quali raccogliere un ampio repertorio di testi, immagini e video, per lo più basato su esperienze vissute in prima persona dagli stessi protagonisti, vero e proprio “viaggio” per raccontare i diritti, tramite un approccio creativo esperienziale, un racconto corale di voci, suoni, narrazioni e testimonianze.
In tal senso, le varie attività proposte – a Roma, Milano, Napoli e Lamezia Terme (Catanzaro) – hanno puntato per lo più sull’utilizzo di linguaggi creativi e artistici (proiezioni, letture, performance, musica, realizzazioni di vignette, fotografie), allo scopo di fare emergere e valorizzare attitudini, fantasie e sogni dei partecipanti, come fattore di crescita della consapevolezza (empowerment) e di inclusione sociale. Il tutto andando a comporre un cospicuo materiale, che a progetto concluso valorizzerà ulteriormente il patrimonio a disposizione della rete associativa.

Nel corso della serata del 7 giugno, dunque, i giovani “artisti” presenteranno le varie attività sviluppate, anche tramite un video dedicato, che vedrà tra i protagonisti persone con disabilità motoria, con sindrome di Down e con disabilità uditiva.
All’incontro – che sarà accompagnato dalle letture di Angela Sajeva – saranno presenti autorevoli figure del mondo della comunicazione e della cultura, insieme a responsabili di associazioni delle persone con disabilità, tra cui Antonio Cotura, presidente della FIADDA, Dino Baarlam, presidente della FISH Lazio (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e Silvia Cutrera, presidente dell’AVI di Roma (Agenzia per la Vita Indipendente), oltreché alcuni rappresentanti istituzionali. (V.C. e S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@fiadda.it.

Stampa questo articolo