L’ambiente è virtuale, ma la riabilitazione è reale

Verrà inaugurato il 13 giugno all’Istituto Scientifico Medea-Associazione La Nostra Famiglia di Bosisio Parini (Lecco) – e sarà il primo in Italia – un laboratorio “Grail”, sistema che rappresenta l’ultima frontiera della medicina riabilitativa e che consente l’acquisizione di dati, la valutazione e la riabilitazione, mentre il paziente esegue esercizi in un ambiente di realtà virtuale immersivo e integrato

Riabilitazione tramite il sistema "Grail"

Riabilitazione tramite il “Grail” (“Gait Real-Time Analysis Interactive Lab”)

Il piccolo paziente passeggia nel bosco, guida una barca o si destreggia in un labirinto, mentre il riabilitatore effettua valutazioni funzionali: da oggi sarà possibile grazie al Grail (Gait Real-Time Analysis Interactive Lab), sistema che rappresenta l’ultima frontiera della medicina riabilitativa e che consente l’acquisizione di dati, la valutazione e la riabilitazione, mentre il paziente esegue esercizi in un ambiente di realtà virtuale immersivo e integrato.
Il Grail è stato installato per la prima volta in Italia presso l’IRCCS Medea-Associazione La Nostra Famiglia di Bosisio Parini (Lecco), ove verrà inaugurato venerdì 13 giugno (ore 9.30), alla presemza del presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni.

Si tratta, in sostanza, di un laboratorio interattivo in cui il soggetto viene immerso in realtà virtuali e ambienti naturali di camminata. Esso è costituito da una piattaforma dinamica con un tapis roulant a doppia cinghia, un sistema di rilevazione del movimento a dieci telecamere ottiche, tre videocamere e un complesso software che gestisce e rende flessibile l’intero sistema.
L’integrazione con uno schermo cilindrico a 180 grandi immersivo, sul quale vengono proiettati diversi ambienti di realtà virtuale, permette al soggetto di eseguire esercizi in un ambiente naturale arricchito e crea condizioni di stimolo multisensoriale.
Grazie al Grail, quindi, sarà possibile acquisire dati di cinematica e cinetica e valutare la performance motoria del soggetto, il tutto in un ambiente di gioco virtuale e in tempo reale. I parametri sono infatti disponibili durante la sessione, sia come feedback al paziente, sia come supporto al riabilitatore. Inoltre, il rapporto sulla camminata è disponibile immediatamente al termine della sessione di lavoro, grazie a uno strumento di elaborazione off-line, che fornisce un’analisi approfondita e interattiva dei dati.
Altri punti di forza del sistema sono il movimento della pedana in direzione longitudinale e laterale, che permette di identificare e di quantificare le strategie di compensazione o la stabilità dinamica, e la modalità a velocità autogestita, che permette al soggetto di camminare alla velocità preferita, con la pedana e l’ambiente di realtà virtuale perfettamente sincronizzati.

«Nella fase iniziale – spiega Anna Carla Turconi, responsabile dell’Unità Operativa di Riabilitazione Funzionale all’Istituto Medea – il laboratorio sarà utilizzato a scopo di ricerca e solo in seguito per la riabilitazione di pazienti con patologie neurologiche e ortopediche». L’esiguità di indicazioni puntuali sull’utilizzo della strumentazione su soggetti di età pediatrica richiederà infatti una prima fase di caratterizzazione del sistema e delle sue potenzialità. Questo anche perché in letteratura vi sono pochissimi studi che riguardano la fattibilità nel bambino con paralisi cerebrale infantile e l’efficacia in soggetti adulti amputati e protesizzati. Inizialmente verrà quindi valutata l’adattabilità all’ambiente di realtà virtuale in soggetti sani volontari, mentre in seguito verrà identificato un piccolo gruppo di pazienti che saranno sottoposti a un esame del cammino.
«Potremo così mettere a punto – aggiunge Turconi – una serie di protocolli riabilitativi che consentiranno di erogare la terapia sotto forma di gioco, con esercizi divertenti e coinvolgenti che, soprattutto nei bambini, garantiscono un sicuro aggancio interattivo». (Cristina Trombetti)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficio.stampa@bp.lnf.it.

Stampa questo articolo