A Imola giorni di bellezza, creatività e formazione

È un programma davvero ricco, quello che caratterizzerà a fine settimana l’“Open Day” dell’Istituto Montecatone di Imola (Bologna), la nota struttura specializzato nella cura e nella riabilitazione di persone con lesione midollare e/o grave cerebrolesione. E si incomincerà già il 27, con un seminario promosso dalla SIDiMa (Società Italiana Disability Manager), mentre il 28, tra creatività, cultura e molto altro, sarà il giorno della “Nostra Bellezza”!

Istituto di Montecatone a Imola (Bologna), immagine aerea

Un’immagine aerea dell’Istituto Riabilitativo Montecatone di Imola (Bologna)

È tempo di Open Day all’Istituto Montecatone di Imola (Bologna) – specializzato nella cura e nella riabilitazione di persone con lesione midollare e/o grave cerebrolesione – ovvero di un’intera giornata ad “apertura speciale”, rivolta a tutti coloro che già conoscono la struttura e anche, naturalmente, a chi non la conosce affatto. E quest’anno il programma sarà particolarmente ricco di iniziative, anche precedenti alla data fissata, che è quella di sabato 28 giugno.

Innanzitutto, quindi, va segnalato l’importante seminario intitolato Vita Indipendente: percorsi e strumenti realistici in un periodo di crisi, promosso per venerdì 27 giugno dalla SIDiMa (Società Italiana Disability Manager), presso il Polo Formativo di Imola (ore 9), con la collaborazione attiva di Montecatone.
Si tratterà di una giornata di formazione dedicata ad assistenti sociali, volontari e altri operatori attivi nel settore, voluta allo scopo di presentare appunto strumenti e strategie innovative per la promozione del diritto alla Vita Indipendente delle persone con disabilità. «Inutile negarlo – sottolinea Augusto Cavina, presidente dell’Istituto di Montecatone -: la crisi sta aumentando il rischio di povertà per le persone con disabilità. Abbiamo volentieri accolto la proposta della SIDiMa di provare a ragionare insieme per affrontare in modo creativo questa situazione difficile, perché lavorare in rete per noi è una scelta strategica da sempre, una scelta che diventa obbligata quando si fronteggia un momento così difficile».

Proprio in occasione di tale seminario, inoltre, verranno premiati i migliori “ausili creativi” che poi saranno presentati durante l’Open Day del 28. «Lo sviluppo della tecnologia – spiega in tal senso Angelo Dall’Ara, consigliere della Fondazione Montecatone ONLUS – fornisce ogni giorno nuovi strumenti innovativi per l’autonomia delle persone con disabilità, con risultati impensabili fino a qualche anno fa; spesso, per altro, gli oggetti della vita quotidiana forniscono spunti altrettanto utili ad ottenere ottimi risultati, senza richiedere un grande esborso di risorse economiche né alla persona interessata né al servizio sanitario: l’ingrediente vincente è la fantasia applicata alla conoscenza delle esigenze più autentiche di ciascuna persona. E così un apribottiglie può diventare una manopola per facilitare una persona con tetraplegia nel gioco del calciobalilla, una cerniera particolare rendere più facile l’uso dei pantaloni a persone che si muovono in carrozzina e così via. Abbiamo quindi lanciato l’idea di raccogliere tutti gli ausili frutto dell’ingegno individuale e di metterli a disposizione: un modo per abbinare la creatività e la voglia di Bellezza, con la necessità di non sperperare le risorse».

Il vero e proprio Open Day, come detto, sarà poi sabato 28, giornata in cui il parco della struttura, per l’occasione arricchito di nuove installazioni, si trasformerà in un vero e proprio “festival a cielo aperto”.
La mattina, infatti, dopo l’inaugurazione del nuovo giardino riabilitativo, è prevista una dimostrazione di dog therapy, mentre nel pomeriggio sono stati invitati vari artisti e performer, che offriranno esibizioni all’insegna della musica, della moda, del teatro, della danza, della poesia e della pittura; e come da tradizione, in prima fila ci saranno le persone che quotidianamente “fanno la Bellezza” di Montecatone, ovvero i familiari, gli operatori e soprattutto le stesse persone con disabilità.
«Abbiamo pensato di intitolare l’Open Day proprio La Nostra Bellezza – spiega Vito Colamarino, presidente dell’Associazione di ex pazienti AUS Montecatone – perché l’obiettivo è di consentire alla cittadinanza di aprire i propri occhi rispetto ai molteplici talenti delle persone che, dopo un periodo di recupero a Montecatone, diventano risorse a disposizione del loro territorio. E speriamo anche che molti imolesi accoglieranno il nostro invito, venendo a scoprire la Bellezza di questo sito, che spesso non è nota, mentre questo Ospedale è uno dei motivi per cui Imola è conosciuta anche nelle altre Regioni». (C.C.)

È disponibile il programma completo del seminario organizzato dalla SIDiMa (Società Italiana Disability Manager). Per ulteriori informazioni: stampa.sidima@gmail.com.
Ed è anche naturalmente disponibile il programma completo dell’Open Day di Montecatone. Per ulteriori informazioni: corsolini@montecatone.com.

Stampa questo articolo