La salute è un diritto per tutti

È questo il nome dell’evento formativo promosso per il 27 giugno a Torino dalla Fondazione Promozione Sociale e centrato sulle cure sociosanitarie per gli anziani malati non autosufficienti e le persone con demenza. All’incontro interverranno vari rappresentanti istituzionali e dell’Amministrazione Sanitaria, sia pubblica che privata e, tra gli altri, anche il Difensore Civico della Regione Piemonte

Assistente solleva un'anziana dalla carrozzinaÈ promosso dalla Fondazione Promozione Sociale, con il sostegno dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino e la Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, l’evento formativo in programma per venerdì 27 giugno nel capoluogo piemontese, intitolato La salute è un diritto per tutti. Le cure sociosanitarie per gli anziani malati non autosufficienti e le persone con demenza senile (Aula Dogliotti del Presidio Molinette, Corso Bramante, 88/90, Torino, ore 8.30-18).

L’incontro – cui interverranno vari rappresentanti istituzionali e dell’Amministrazione Sanitaria, sia pubblica che privata, e anche il Difensore Civico della Regione Piemonte – si rivolgerà a medici specialisti e di medicina generale, infermieri, assistenti sociali, operatori socio-sanitari, amministratori di ASL ed Enti gestori dei servizi socio-assistenziali, gestori privati delle strutture diurne e residenziali, amministratori pubblici, rappresentanti delle istituzioni, organizzazioni sindacali, associazioni di tutela dei malati, di promozione sociale e di volontariato e anche ai familiari delle persone in bsituazione di non autosufficienza.

«Obiettivo dell’iniziativa – come spiegano i responsabili della Fondazione Promozione Sociale – è quello di promuovere la tutela della salute degli anziani malati cronici non autosufficienti e/o con demenza senile, prioritariamente al loro domicilio, con la piena assunzione di responsabilità della cura da parte del Servizio Sanitario Nazionale e Regionale del Piemonte, sia in ospedale che a casa. Puntiamo altresì a dimostrare che attraverso una migliore organizzazione dei percorsi di cura, è possibile ottimizzare le risorse del Servizio Sanitario Nazionale e, al contempo, assicurare le prestazioni LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) cui hanno diritto gli anziani malati non autosufficienti, vale a dire cure domiciliari in lungoassistenza, centri diurni e ricoveri in RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali)».
«Senza dimenticare – concludono i promotori dell’evento – che una migliore organizzazione delle dimissioni ospedaliere e/o da altre strutture sanitarie, in continuità di cura con i servizi sanitari territoriali, anche per l’inserimento diretto in una RSA, oltreché per attivare le cure domiciliari, produce sicuramente benefìci per i malati non autosufficienti, contribuendo anche a un utilizzo più appropriato dei posti letto di ricovero ospedaliero». (S.B.)

Il programma completo della giornata di Torino è disponibile nel sito della Fondazione Promozione Sociale. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@fondazionepromozionesociale.it.

Stampa questo articolo