Roma: finite le risorse, finiscono i servizi sociali?

«Già da questo mese di luglio, sia il Dipartimento Politiche Sociali, sia i Municipi di Roma versano in assoluta carenza di copertura di spesa e senza le risorse necessarie, i servizi sociali destinati alle persone con disabilità e agli anziani non autosufficienti sono destinati inevitabilmente ad interrompersi»: lo denuncia la FISH Lazio, che auspica «l’immediato sblocco dei fondi, a garanzia del mantenimento dei servizi sociali nella Capitale»

Ombra di persona con disabilità«Pur apprezzando l’importante mozione dell’Assemblea capitolina, approvata lo scorso 27 giugno, contenente un impegno politico per garantire fondi adeguati in bilancio, per la continuità dei servizi sociali essenziali ai cittadini più fragili della città, ad oggi sia il Dipartimento Politiche Sociali sia i Municipi si trovano ancora in uno stato di assoluta carenza di copertura di spesa, già a partire dal mese di luglio in corso».
Così, in una nota, Dino Barlaam, presidente della FISH Lazio (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), denuncia ancora una volta lo stato di agitazione riguardante la situazione dei servizi sociali in favore delle persone con disabilità di Roma Capitale, ribadendo poi fermamente, come già fatto in un precedente comunicato dei giorni scorsi, nonché in audizione presso l’Assemblea capitolina, che «senza le risorse finanziarie necessarie, i servizi sociali destinati alle persone con disabilità e agli anziani non autosufficienti saranno destinati inevitabilmente ad interrompersi».

«Denunciamo ancora – prosegue il Presidente della FISH Lazio – lo stato di grande preoccupazione per le inevitabili drammatiche ripercussioni sulle condizioni delle persone e delle loro famiglie, nonché dei lavoratori, che rischiano di concretizzarsi nel periodo estivo, in cui l’emarginazione sociale, come purtroppo accade, può trasformarsi in isolamento e abbandono».
La Federazione laziale rinnova altresì il proprio sostegno a Rita Cutini, assessore alle Politiche di Sostegno Sociale, alla Sussidiarietà e alla Promozione della Salute di Roma Capitale, affinché «possa intervenire presso la Giunta e l’Assemblea Capitolina, per l’immediato sblocco dei fondi a garanzia del mantenimento dei servizi sociali». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa.lazio@fishonlus.it.

Stampa questo articolo