Verso la conclusione il corso “Nuovi orizzonti del turismo”

Qualche giorno fa i partecipanti a “Nuovi orizzonti del turismo attraverso l’accessibilità e l’inclusività”, corso che si sta svolgendo ad Asti, rivolto per lo più a persone inoccupate, interessate a maturare competenze specifiche sui temi dell’accessibilità turistica, hanno potuto sperimentare quanto finora appreso, girando per il centro storico della città piemontese, con metro, macchina fotografica e – a turno – con una benda sugli occhi…

Immagine aerea del centro storico di Asti ((foto di Mark Cooper)

Immagine aerea del centro storico di Asti, con visione di Piazza Alfieri (foto di Mark Cooper)

Come riferito a suo tempo, si protrarrà sino a fine luglio il corso denominato Nuovi orizzonti del turismo attraverso l’accessibilità e l’inclusività, rivolto in via prioritaria a persone inoccupate sotto i 35 anni, interessate a maturare competenze specifiche rispetto ai temi dell’accessibilità turistica.
L’iniziativa, lo ricordiamo, rientra nell’àmbito del Progetto Verso una Città Etica – già da noi presentato a suo tempovoluto dal Comune di Asti, dal Consorzio Turistico Langhe Monferrato Roero, dall’Associazione Albergo Etico e dalla CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà), allo scopo di «definire le linee guida per la realizzazione di una Città e di un Territorio Etico, ovvero un’area promotrice di una filosofia d’inclusione sociale che rispetti le esigenze e le peculiarità di tutti i fruitori del territorio, ponendo come cardine l’accoglienza turistica».

Il 1° luglio scorso, dunque, i corsisti hanno avuto l’occasione di sperimentare e di mettere in pratica quanto appreso nei primi mesi di lezioni. Guidati infatti da Barbara Basacco (Albergo Etico), Alessandro Redavide (CPD), Eugenia Monzeglio (ISITT-Istituto Italiano per il Turismo per Tutti) e Adriano Capitolo (UICI-Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), hanno percorso le vie del centro di Asti – muniti di metro, macchina fotografica e bendati a turno -, valutandone l’accessibilità e constatando come a volte bastino realmente dei piccoli accorgimenti per rendere un percorso fruibile a tutti.
A conclusione del corso, poi, i partecipanti dovranno elaborare delle proposte di itinerari turistici accessibili sul territorio. (S.B.)

Ringraziamo Turismabile per la collaborazione.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: versounacittaetica@gmail.com.

Stampa questo articolo