Inclusione nel Lazio: sono tutte proposte realizzabili

Certificazioni di disabilità, revisione dell’Accordo di Programma Regionale sull’inclusione, corsi di programmazione e aggiornamento di tutti i docenti curricolari, riordino degli interventi delle Province e soluzioni all’astensione dal lavoro dei collaboratori scolastici: questi i temi delle proposte emerse da una riunione del GLIR Lazio (Gruppo di Lavoro Regionale per l’Inclusione Scolastica), tutte fattibili e realizzabili in pochi mesi

Aula scolastica con alunno in carrozzinaSono tutte fattibili e potenzialmente realizzabili in pochi mesi, le proposte a favore dell’inclusione degli alunni con disabilità, emerse qualche giorno fa da una riunione del GLIR Lazio (Gruppo di Lavoro Regionale per l’Inclusione Scolastica) e riassunte come di seguito in una nota della FISH Lazio (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).
Si tratta dunque di: «Formulazione entro novembre di criteri uniformi su tutto il territorio regionale per la certificazione di disabilità da parte delle ASL, ai fini della richiesta delle ore di sostegno e di assistenza per l’autonomia. Formazione di un gruppo di lavoro interistituzionale con la presenza delle Associazioni, per la revisione dell’Accordo di Programma Regionale del 2008 sull’inclusione scolastica. Avvio, dall’1 al 15 settembre, di corsi di programmazione e aggiornamento di tutti i docenti curricolari che hanno in classe alunni con disabilità, volto a farli partecipare attivamente alla lettura della Diagnosi Funzionale di tali alunni e alla redazione del PEI [Piano Educativo Individualizzato, N.d.R.], con la consulenza di docenti specializzati per il sostegno della stessa scuola o di reti di scuole, degli operatori sociosanitari, delle famiglie e degli esperti volontari delle Associazioni di persone con disabilità e dei loro familiari. Riordino degli interventi delle Province che stanno per cambiare natura e funzioni [come da Legge 56/14, “Disposizioni sulle Città Metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni”, N.d.R.]. Ricerca di soluzioni allo sciopero dei collaboratori scolastici, con l’astensione dall’assistenza igienica per gli alunni con gravi disabilità, provocata dalla sospensione dal 1° settembre al 31 dicembre prossimi dell’apposita indennità, a causa dei tagli alla spesa pubblica».

Il GLIR Lazio tornerà a riunirsi nei primi giorni di ottobre, per verificare lo stato di avanzamento di tali proposte, attualmente sul tavolo dei responsabili dell’Ufficio Scolastico Regionale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa.lazio@fishonlus.it.

Stampa questo articolo