AllegroModerato InBand: contaminazione, sorpresa, inclusione

Ci sarà anche l’InBand di AllegroModerato – il noto gruppo di Milano che tramite la musica valorizza la qualità della vita delle persone con fragilità psichiche, mentali e fisiche – tra i protagonisti di “Emergendo”, giornata di studio e intrattenimento in svolgimento oggi, 17 luglio, nel capoluogo lombardo, tutta centrata sulla valorizzazione del lavoro delle persone con disabilità

Orchestra AllegroModerato

L’Orchestra AllegroModerato

Ci siamo già occupati, in altra parte del nostro giornale, di Emergendo, la giornata di studio e intrattenimento promossa per oggi, 17 luglio, a Milano, che intende rendere visibile – attraverso il monitoraggio e la valutazione del Programma per l’Occupazione dei Disabili della Provincia di Milano – i risultati del Piano Emergo 2010-2012, nato come concreto strumento di supporto per i datori di lavoro (pubblici, privati e del privato sociale), impegnati appunto a realizzare le assunzioni delle persone con disabilità, costituendo nuovi rami d’imprese sociali e garantendo il mantenimento occupazionale e lo status ai lavoratori assunti.

E tra i protagonisti dell’evento – impegnata in un concerto in Piazza Città di Lombardia dopo le 19 – vi sarà anche l’InBand di AllegroModerato, il gruppo nato a Milano per volontà dell’omonima Cooperativa, con la convinzione e l’intento di dimostrare che l’educazione musicale può attivare e sviluppare energie e competenze emotive, cognitive e relazionali, capaci di valorizzare la qualità della vita delle persone con fragilità psichiche, mentali e fisiche.

«Il repertorio della nostra InBand – spiegano i responsabili di AllegroModerato – si muove tra standard jazz e brani pop, tra musica d’autore e atmosfere etniche, tra folk, musical e arrangiamenti di brani classici, fino al funk. Ma Allegro Moderato InBand è soprattutto la sorpresa di musicisti “speciali”, capaci di un’inaspettata presenza scenica e musicale. Se qualcuno infatti chiudesse gli occhi durante il concerto, non riuscirebbe a cogliere nessuna differenza tra musicisti professionisti e musicisti “speciali”, perché la musica è in grado di annullare diversità e difficoltà». «Questo gruppo – concludono – è Integrazione, ove la In di InBand sta per Inclusione, come “stare dentro”, come incontro, interazione, invenzione. Nessuno è escluso, perché più e meglio ci si integra, maggiore sarà la qualità del risultato per chi suona, per chi ascolta, e per chi vuole lasciarsi sorprendere ed emozionare dalla musica». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@orchestraallegromoderato.it.

Stampa questo articolo