E veleggiando… Divento Grande!

Sarà infatti l’associazione Divento Grande, nata per volontà di alcuni padri di ragazzi autistici, a organizzare anche quest’anno, per il 3 agosto a Nettuno (Roma), in collaborazione con il locale Circolo Velico Le Sirene, l’iniziativa denominata “Al vento per un sorriso”, che vedrà tra gli altri, come protagonisti, proprio i bimbi e i ragazzi con autismo della ONLUS romana

Nettuno (Roma): scuola di vela dell'Associazione Divento Grande

Un’uscita della scuola di vela promossa dall’Associazione Divento Grande, iniziativa realizzata in collaborazione con il Circolo Velico Le Sirene di Nettuno (Roma)

Sta per tornare a Nettuno (Roma), la bella manifestazione di sport e solidarietà – della cui prima edizione ci eravamo già occupati lo scorso anno – denominata Al vento per un sorriso, che vedrà come protagonisti, domenica 3 agosto, presso il Circolo Velico Le Sirene, alcuni velisti d’eccezione, vale a dire i ragazzi con autismo dell’Associazione romana Divento Grande, insieme ai giovani del Circolo ospitante.

L’iniziativa – che si svolgerà al termine del progetto estivo Estate Crescendo 2014 – vedrà i partecipanti dividersi in due squadre (Equipaggio dei Corsari del Moro di Pomezia ed Equipaggio dei Pirati di Luna Grossa) e sfidarsi in una competizione di tipo Team Race, una regata velica su derive di Classe 470/420 e Lookout 16.
Gli equipaggi saranno formati da ragazzi del circolo velico al timone dell’imbarcazione e da soci di Divento Grande, che ricopriranno il ruolo di prodiere, con il compito di gestire le varie manovre sotto i comandi del più esperto timoniere. In base poi alla posizione d’arrivo, ogni imbarcazione accumulerà punti che serviranno ad assegnare il II Trofeo Challenge Divento Grande Sailing Cup, con l’obiettivo di rimetterlo in palio il prossimo anno, rendendo così l’iniziativa un appuntamento fisso.

L’Associazione Divento Grande è nata dalla volontà di alcuni padri di ragazzi autistici di fare squadra, per superare i tanti ostacoli sulla strada delle famiglie nella loro stessa situazione. L’idea della regata, poi, è partita proprio dai ragazzi partecipanti a un corso di vela. «Durante un’uscita – racconta infatti Mauro Screti, componente del Direttivo – due derive sono arrivate contemporaneamente a virare su una delle boe del percorso e abbiamo visto che i ragazzi hanno risposto bene, addirittura con soddisfazione, dopo aver lasciato indietro l’altra imbarcazione». «Ci siamo quindi confrontati con gli psicologi che hanno seguito il progetto – aggiunge Fabrizio Schiavo, altro componente del Direttivo della ONLUS , con gli istruttori e con i familiari, e alla fine abbiamo tutti condiviso l’idea di far provare questa esperienza ai ragazzi, che come sempre non si tirano indietro davanti a nulla».
«Il Progetto Estate Crescendo – spiega ancora Schiavo – è nato con l’intento di essere un punto d’incontro e di divertimento per bambini, bambine, ragazze e ragazzi con autismo, dando l’opportunità ai genitori di Divento Grande di essere sostenuti nel periodo della vacanze estive. Durante questo mese di luglio, l’iniziativa è stata coordinata da Francesca Bonici, con quattro incontri settimanali, all’interno dei quali sono state proposte attività di lavoro individuale con gli operatori (Roberto, Giorgia, Valentina, Vanessa e Arianna) e momenti di gioco in piccoli gruppi. Inoltre, sono stati realizzati anche dei laboratori per l’esercizio delle autonomie personali e sociali, basati sulle abilità domestiche (preparazione della merenda, di biscotti), sull’utilizzo dei mezzi pubblici e del servizi del territorio (treno, biblioteca) e su uscite al mare e in piscina per godersi il sole estivo». «E infine – conclude – nei weekend ci sono state le attività del progetto legato alla vela, volto a permettere a tutti i partecipanti di vivere tale esperienza come attività in acqua o come disciplina sportiva, rispettando, però, le abilità individuali e con modalità adatte al funzionamento di ognuno».

Da segnalare infine che per l’evento conclusivo del 3 agosto – con il quale si intende lanciare un forte segnale di solidarietà, che partendo dalle coste laziali di Nettuno arrivi in tutta Italia – verrà offerta anche la possibilità di “adottare un equipaggio”. Donando cioè una quota libera, verrà realizzata una bandiera con il logo della manifestazione e quello di volta in volta indicato dal donatore. (S.B.)

Per ulteriori informazioni: info@diventogrande.org.

Stampa questo articolo