Rinviata la discussione sul ricorso dei caregiver familiari

È stata infatti aggiornata al 14 ottobre, da parte del Tribunale di Roma, la discussione sul ricorso collettivo nazionale presentato per ottenere riconoscimento e tutela del lavoro di cura dei caregiver familiari, ovvero di coloro che assistono in famiglia persone con grave disabilità. «Anche se il ricorso sarà respinto – dichiarano per altro i responsabili del Comitato Promotore – noi andremo avanti comunque con le nostre varie iniziative»

Roma, 22 settembre 2014, udienza su ricorso caregiver

Un gruppo di persone arrivate a Roma il 22 settembre, per l’udienza sul ricorso collettivo dei caregiver familiari

Nessuna decisione, ma solo un rinvio al 14 ottobre, da parte del Tribunale di Roma, durante l’udienza del 22 settembre – di cui avevamo dato notizia nei giorni scorsi – riguardante il ricorso collettivo nazionale presentato per ottenere riconoscimento e tutela del lavoro di cura dei caregiver familiari, di coloro cioè che in àmbito domestico si prendono cura di un congiunto affetto da grave disabilità e non in grado di compiere autonomamente gli atti necessari alla propria sopravvivenza e al proprio benessere.
Per l’occasione, nella Capitale erano convenuti numerosi caregiver familiari da varie Regioni d’Italia.

«Anche se il ricorso dovesse essere respinto – viene sottolineato dal Comitato Promotore Ricorso Family Caregiver, sostenuto principalmente dal blog La Cura Invisibile e dal Coordinamento Nazionale Famiglie di Disabili Gravi e Gravissimi la decisione del Giudice potrebbe “illuminare” i Legislatori, che continuano a ignorare la nostra situazione. E in ogni caso, noi andremo avanti, sia legalmente, sia informando l’opinione pubblica della nostra esistenza e anche nell’opera di mediazione con le Istituzioni. Infatti, la massiccia presenza al Tribunale di Roma di tanti caregiver familiari e i numerosi messaggi ricevuti da parte di chi non ha potuto essere presente di persona, ci hanno fatto toccare con mano il fatto di essere riusciti a creare uno “zoccolo duro” di persone che non intende mollare». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: lacurainvisibile@gmail.com; presidenza@famigliedisabili.org.

Stampa questo articolo