La complessità della comunicazione sulle Malattie Rare

Sarà questo il tema della tavola rotonda del 1° ottobre a Milano, promossa in occasione dell’assegnazione a Flora Peyvandi – specialista impegnata sul fronte dell’emofilia, delle malattie rare della coagulazione e delle sindromi emorragiche e trombotiche – il “Premio Grande Ippocrate 2014”, riconoscimento destinato ai ricercatori che uniscono all’eccellenza del proprio lavoro scientifico la capacità di comunicarne i risultati al grande pubblico attraverso i media

Flora Peyvandi

Il 1° ottobre a Milano verrà consegnato a Flora Peyvandi il “Premio Grande Ippocrate 2014”

Nato nel 2008 dalla collaborazione tra l’UNAMSI (Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione) e il gruppo farmaceutico Novartis, con l’obiettivo di valorizzare i ricercatori italiani che uniscono all’eccellenza del proprio lavoro scientifico una comprovata capacità di comunicarne i risultati al grande pubblico attraverso i media, il Premio Grande Ippocrate di quest’anno è stato assegnato a Flora Peyvandi, professore Associato di Medicina Interna all’Università di Milano, direttore del Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi e dell’Unità Operativa Complessa di Ematologia non Tumorale e Coagulopatie alla Fondazione IRCCS Ca’ Granda dell’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, oltreché responsabile dell’assistenza a pazienti affetti da emofilia, malattie rare della coagulazione e sindromi emorragiche e trombotiche.

Alla consegna del premio – in programma per mercoledì 1° ottobre a Milano (Palazzo Pirelli della Regione Lombardia, ore n16.30) – interverranno tra gli altri Francesco Brancati, presidente dell’UNAMSI, Angela Bianchi di Novartis Italia, Stefano Carugo, presidente della Seconda Commissione Affari Istituzionali del Consiglio Regionale Lombardo e Gianluca Vago, rettore dell’Università di Milano.
Per l’occasione sono in programma anche una lezione magistrale sul tema Malattie rare nel Terzo Millennio, tenuta dalla stessa Peyvandi, che parteciperà poi alla tavola rotonda intitolata Malattie orfane di informazione, ove si tratterà la complessità della comunicazione sulle Malattie Rare. Vi interverranno – coordinati da Adriana Bazzi del «Corriere della Sera» – Roberto Ferrari, direttore dell’Unità Operativa di Cardiologia all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, Alessandro Fiocchi, responsabile di Allergologia al Dipartimento di Medicina Pediatrica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, Mario Melazzini, assessore alle Attività Produttive, alla Ricerca e all’Innovazione della Regione Lombardia, Nicola Miglino, giornalista scientifico, responsabile dei rapporti istituzionali dell’UNAMSI e Domenica Taruscio, direttore del Centro Nazionale Malattie Rare (CNMR) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). (S.B.)

Ringraziamo per la segnalazione l’OMAR (Osservatorio Malattie Rare).

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@osservatoriomalattierare.it.

Stampa questo articolo