Tempo libero, ma tempo educativo

Si chiama così il progetto presentato dall’ANFAMIV (Associazione Nazionale delle Famiglie dei Minorati Visivi) e approvato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, che si svolgerà durante tutto questo anno scolastico 2014-2015, tramite una serie di laboratori tematici, con il coinvolgimento di persone con disabilità visiva assieme a giovani volontari che, secondo i princìpi dell’inclusione sociale, opereranno per la creazione di vari prodotti

Mani che realizzano un libro tattile

Verranno prodotti anche libri tattili, nell’àmbito del progetto dell’ANFAMIV “Tempo libero, ma tempo educativo”

Il Servizio Volontariato, Solidarietà e Immigrazione della Regione Friuli Venezia Giulia ha approvato un progetto presentato dall’ANFAMIV (Associazione Nazionale delle Famiglie dei Minorati Visivi), denominato Tempo Libero, ma tempo educativo.
Si tratta di un percorso che si prefigge di stimolare e favorire la qualificazione e lo sviluppo dell’azione volontaria giovanile, finalizzandola alla realizzazione di interventi e azioni che consentano di promuovere il benessere della comunità.
Il progetto, che si svolgerà durante tutto questo anno scolastico 2014-2015, consisterà in particolare nell’organizzazione e nella realizzazione di singoli laboratori tematici, con il coinvolgimento di persone con disabilità visiva assieme a giovani volontari che, secondo i princìpi dell’inclusione sociale, opereranno per la creazione di prodotti artistici spazianti dalla musica alla produzione di oggettistica varia, di libri tattili, di semplici performance teatrali e altro ancora.

Attualmente l’iniziativa è entrata nella sua prima fase, consistente nella ricerca degli interessati. A tal fine, l’ANFAMIV ha organizzato per mercoledì 5 novembre, presso la propria sede di Udine (Via Diaz, 60, ore 14.30), un evento di avvio, durante il quale verranno illustrati più dettagliatamente contenuti, i tempi di attuazione e altri aspetti.
L’incontro sarà ovviamente aperto a tutti coloro che vorranno cimentarsi in questo percorso certamente unico e coinvolgente. (Lorenza Vettor)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: anfamiv@email.it.

Stampa questo articolo