- Superando.it - http://www.superando.it -

A Bruxelles si parla di emergenze e situazioni di rischio

La Protezione Civile salva una persona con disabilità

Un intervento della Protezione Civile, per mettere in sicurezza una persona con disabilità in una situazione di grave emergenza

A margine delle iniziative programmate in questi giorni a livello continentale dall’Unione Europea, in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità – che dal 1993 è diventata anche la Giornata Europea – segnaliamo l’interessante conferenza di due giorni, in corso di svolgimento tra oggi e domani, 4 e 5 dicembre, promossa dal Consiglio Europeo sul tema Including People with Disabilities in Disaster Preparedness and Response, riguardante cioè l’inclusione delle persone con disabilità in situazioni di emergenza (disastri di origine naturale o umana).
Rimandando i Lettori al programma completo dell’incontro, segnaliamo che ad esso partecipa anche, per l’Italia, Giampiero Griffo, componente dell’Esecutivo Mondiale di DPI (Disabled Peoples’ International), rapprresentando in tale sede l’EDF (European Disability Forum).
Ne pubblichiamo il seguente intervento, preparatorio a quello presentato a Bruxelles (
Inclusion of persons with disabilities in emergency and humanitarian aids), cogliendo anche l’occasione per aggiornare i Lettori, in calce, sui Paesi del mondo (151) che hanno finora ratificato la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità.

«L’inclusione delle persone con disabilità come target specifico in situazioni di emergenza è recente. Un impulso fondamentale lo ha dato la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, che ha riconosciuto il rispetto dei diritti umani in tutti gli àmbiti di vita della società. In particolare, l’articolo 11 (Situazioni di rischio ed emergenze umanitarie) e l’articolo 32 (Cooperazione internazionale) impegnano i 151 Paesi che hanno ratificato la Convenzione (il 77% degli Stati membri dell’ONU, tra cui l’Italia e l’Unione Europea) ad intervenire in quest’area.
Il 15% della popolazione mondiale vive con una disabilità e circa 8 milioni sono state nel 2013 le persone con disabilità sfollate a causa di disastri naturali o causati dall’uomo.
Le Nazioni Unite hanno avviato un tavolo di discussione, anche all’interno dei post-Millennium Development Goals [“Obiettivi di Sviluppo del Millennio, post-2015”, N.d.R.], e vari manuali e vademecum sono stati pubblicati sulla materia.
Il punto di riferimento internazionale è la Carta di Verona (Sul salvataggio delle persone con disabilità in caso di disastri), documento prodotto nel 2007, che affronta in maniera esaustiva tutti gli elementi di cui si deve tenere conto per includere queste persone negli interventi umanitari e di emergenza (non discriminazione, eguaglianza di opportunità, accessibilità, partecipazione).
E ancora, il Parlamento Europeo ha sottolineato in due risoluzioni di tener conto delle persone con disabilità in situazioni di rischio e di sostegno umanitario, mentre l’Unione Europea ha incluso questo target nel punto 39 del Consenso Europeo sull’Aiuto Umanitario e anche la Strategia dell’Unione sulla Disabilità 2010-2020 include specifici impegni in materia al punto 8.
Lo stesso Consiglio d’Europa, inoltre, è impegnato nella redazione di linee guida sul tema Disability Inclusive Disaster Risk Reduction, presentate di recente a Bruxelles, sulla base dell’accordo EUR-OPA (European and Mediterranean Major Hazards Agreement).
In Italia, infine, il MAECI (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale) ha incluso il tema all’interno del Piano d’Azione sulla Disabilità della Cooperazione Italiana (2013), che è diventato parte del Programma di Azione Biennale per la Promozione dei Diritti e l’Integrazione delle Persone con Disabilita, approvato dal Governo Italiano lo scorso anno, e la Protezione Civile sta lavorando a linee guida sulla stessa materia.
Molte di queste iniziative sono il risultato delle pressioni esercitate sulle Istituzioni dalle organizzazioni di persone con disabilità, che giocano nel ruolo di protagonisti – ma anche di esperti – per far rispettare i diritti sul principio dello slogan Nulla su di Noi, senza di Noi.
Giampiero Griffo».

Sono questi i 151 Paesi (compresa l’Unione Europea), che ad oggi, 4 dicembre 2014, appaiono nell’elenco ufficiale prodotto dall’ONU, come ratificatori della Convenzione. L’ordine è cronologico ed è quello che risulta dalla data pubblicata nel portale dell’ONU:
– Giamaica (30 marzo 2007) – Ungheria (20 luglio 2007) – Panama (7 agosto 2007) – Croazia (15 agosto 2007) – Cuba (6 settembre 2007) – Gabon (1° ottobre 2007) – India (1° ottobre 2007) – Bangladesh (30 novembre 2007) – Sudafrica (30 novembre 2007) – Spagna (3 dicembre 2007) – Namibia (4 dicembre 2007) – Nicaragua (7 dicembre 2007) – El Salvador (14 dicembre 2007) – Messico (17 dicembre 2007) – Perù (30 gennaio 2008) – Guinea (8 febbraio 2008) – San Marino (22 febbraio 2008) – Giordania (31 marzo 2008) – Tunisia (2 aprile 2008) – Ecuador (3 aprile 2008) – Mali (7 aprile 2008) – Egitto (14 aprile 2008) – Honduras (14 aprile 2008) – Filippine (15 aprile 2008) – Slovenia (24 aprile 2008) – Qatar (13 maggio 2008) – Kenya (19 maggio 2008) – Arabia Saudita (24 giugno 2008) – Niger (24 giugno 2008) – Australia (17 luglio 2008) – Thailandia (29 luglio 2008) – Cile (29 luglio 2008) – Brasile (1° agosto 2008) – Cina (1° agosto 2008) – Argentina (2 settembre 2008) – Paraguay (3 settembre 2008) – Turkmenistan (4 settembre 2008) – Nuova Zelanda (25 settembre 2008) – Uganda (25 settembre 2008) – Austria (26 settembre 2008) – Costarica (1° ottobre 2008) – Vanuatu (23 ottobre 2008) – Lesotho (2 dicembre 2008) – Corea del Sud (11 dicembre 2008) – Ruanda (15 dicembre 2008) – Svezia (15 dicembre 2008) – Oman (6 gennaio 2009) – Azerbaijan (28 gennaio 2009) – Uruguay (11 febbraio 2009) – Germania (24 febbraio 2009) – Yemen (26 marzo 2009) – Guatemala (7 aprile 2009) – Marocco (8 aprile 2009) – Sudan (24 aprile 2009) – Isole Cook (8 maggio 2009) – Mongolia (13 maggio 2009) – Italia (15 maggio 2009) – Gran Bretagna (8 giugno 2009) – Belgio (2 luglio 2009) – Siria (10 luglio 2009) – Haiti (23 luglio 2009) – Burkina Faso (23 luglio 2009) – Danimarca (24 luglio 2009) – Serbia (31 luglio 2009) – Repubblica Dominicana (18 agosto 2009) – Malawi (27 agosto 2009) – Portogallo (23 settembre 2009) – Laos (25 settembre 2009) – Repubblica Ceca (28 settembre 2009) – Turchia (28 settembre 2009) – Seychelles (2 ottobre 2009) – Iran (23 ottobre 2009) – Montenegro (2 novembre 2009) – Tanzania (10 novembre 2009) – Bolivia (16 novembre 2009) – Algeria (4 dicembre 2009) – Mauritius (8 gennaio 2010) – Zambia (1° febbraio 2010) – Ucraina (4 febbraio 2010) – Francia (18 febbraio 2010) – Lettonia (1° marzo 2010) – Canada (11 marzo 2010) – Bosnia-Erzegovina (12 marzo 2010) – Emirati Arabi Uniti (19 marzo 2010) – Maldive (5 aprile 2010) – Nepal (7 maggio 2010) – Slovacchia (26 maggio 2010) – Etiopia (7 luglio 2010) – Malaysia (19 luglio 2010) – Lituania (18 agosto 2010) – Senegal (7 settembre 2010) – Moldavia (21 settembre 2010) – Armenia (22 settembre 2010) – Nigeria (24 settembre 2010) – Sierra Leone (4 ottobre 2010) – Saint Vincent e Grenadine (29 ottobre 2010) – Unione Europea (23 dicembre 2010) – Romania (31 gennaio 2011) – Togo (1° marzo 2011) – Colombia (10 maggio 2011) – Belize (2 giugno 2011) – Cipro (27 giugno 2011) – Pakistan (5 luglio 2011)  Bahrein (22 settembre 2011)  Lussemburgo (26 settembre 2011)  Capo Verde (10 ottobre 2011)  Indonesia (30 novembre 2011)  Myanmar (7 dicembre 2011) – Macedonia (29 dicembre 2011)  Bulgaria (22 marzo 2012)  Mozambico (30 gennaio 2012)  Mauritania (3 aprile 2012)  Estonia (30 maggio 2012)  Grecia (31 maggio 2012)  Gibuti (18 giugno 2012)  Nauru (27 giugno 2012)  Benin (5 luglio 2012)  Liberia (26 luglio 2012)  Ghana (31 luglio 2012)  Afghanistan (18 settembre 2012)  Swaziland (24 settembre 2012)  Polonia (25 settembre 2012)  Russia (25 settembre 2012)  Israele (28 settembre 2012)  Dominica (1° ottobre 2012)  Malta (10 ottobre 2012)  Cambogia (20 dicembre 2012)  Albania (11 febbraio 2013)  Barbados (27 febbraio 2013)  Iraq (20 marzo 2013)  Norvegia (3 giugno 2013)  Palau (11 giugno 2013)  Singapore (18 luglio 2013)  Kuwait (22 agosto 2013)  Zimbabwe (23 settembre 2013)  Venezuela (24 settembre 2013) – Papua Nuova Guinea (26 settembre 2013)  Kiribati (27 settembre 2013)  Tuvalu (18 dicembre 2013)  Costa d’Avorio (10 gennaio 2014)  Giappone (20 gennaio 2014) – Andorra (11 marzo 2014) – Georgia (13 marzo 2014) – Stato di Palestina (2 aprile 2014) – Svizzera (15 aprile 2014) – Angola (19 maggio 2014) – Burundi (22 maggio 2014) – Grenada (27 agosto 2014) – Repubblica Democratica del Congo (2 settembre 2014) – Guyana (10 settembre 2014) – Guinea Bissau (24 settembre 2014).

Per quanto riguarda invece il Protocollo Opzionale alla Convenzione (testo che consente al Comitato sui Diritti Umani delle Persone con Disabilità di ricevere anche ricorsi individuali – di singoli o di gruppi di individui – e di avviare eventuali procedure d’inchiesta), a ratificarlo sono stati finora i seguenti 84 Paesi:
– Ungheria (20 luglio 2007) – Panama (7 agosto 2007) – Croazia (15 agosto 2007) – Sudafrica (30 novembre 2007) – Spagna (3 dicembre 2007) – Namibia (4 dicembre 2007) – El Salvador (14 dicembre 2007) – Messico (17 dicembre 2007) – Perù (30 gennaio 2008) – Guinea (8 febbraio 2008) – San Marino (22 febbraio 2008) – Tunisia (2 aprile 2008) – Ecuador (3 aprile 2008) – Mali (7 aprile 2008) – Slovenia (24 aprile 2008) – Bangladesh (12 maggio 2008) – Arabia Saudita (24 giugno 2008) – Niger (24 giugno 2008) – Cile (29 luglio 2008) – Brasile (1° agosto 2008) – Argentina (2 settembre 2008) – Paraguay (3 settembre 2008) – Uganda (25 settembre 2008) – Austria (26 settembre 2008) – Costarica (1° ottobre 2008) – Ruanda (15 dicembre 2008) –  Svezia (15 dicembre 2008) – Azerbaijan (28 gennaio 2009) – Germania (24 febbraio 2009) – Yemen (26 marzo 2009) – Guatemala (7 aprile 2009) – Marocco (8 aprile 2009) – Sudan (24 aprile 2009) – Isole Cook (8 maggio 2009) – Mongolia (13 maggio 2009) – Italia (15 maggio 2009) – Belgio (2 luglio 2009) – Siria (10 luglio 2009) – Haiti (23 luglio 2009) – Burkina Faso (23 luglio 2009) – Serbia (31 luglio 2009) – Gran Bretagna (7 agosto 2009) – Repubblica Dominicana (18 agosto 2009) – Australia (21 agosto 2009) – Portogallo (23 settembre 2009) – Turchia (28 settembre 2009) – Montenegro (2 novembre 2009) – Tanzania (10 novembre 2009) – Bolivia (16 novembre 2009) – Nicaragua (2 febbraio 2010) – Ucraina (4 febbraio 2010) – Francia (18 febbraio 2010) – Bosnia-Erzegovina (12 marzo 2010) – Nepal (7 maggio 2010) – Slovacchia (26 maggio 2010) – Honduras (16 agosto 2010) – Lituania (18 agosto 2010) – Lettonia (31 agosto 2010) – Nigeria (24 settembre 2010) – Saint Vincent e Grenadine (29 ottobre 2010) – Turkmenistan (10 novembre 2010) – Togo (1° marzo 2011)  Cipro (27 giugno 2011)  Lussemburgo (26 settembre 2011)  Uruguay (28 ottobre 2011)  Macedonia (29 dicembre 2011)  Mozambico (30 gennaio 2012)  Mauritania (3 aprile 2012)  Estonia (30 maggio 2012)  Grecia (31 maggio 2012)  Gibuti (18 giugno 2012)  Benin (5 luglio 2012)  Ghana (31 luglio 2012)  Afghanistan (18 settembre 2012)  Swaziland (24 settembre 2012)  Dominica (1° ottobre 2012)  Malta (10 ottobre 2012)  Palau (11 giugno 2013)  Zimbabwe (23 settembre 2013) – Andorra (11 marzo 2014) – Angola (19 maggio 2014) – Burundi (22 maggio 2014) – Gabon (26 giugno 2014) – Repubblica Democratica del Congo (2 settembre 2014) – Danimarca (23 settembre 2014).

Suggeriamo anche la consultazione di: www.un.org/disabilities.