Tempo di ballare, anche per le persone non vedenti

Saranno i ballerini professionisti Elena Travaini, persona con grave disabilità visiva, insieme ad Anthony Carollo, a insegnare per tre ore a ballare danze caraibiche a persone con disabilità della vista, insieme a persone vedenti, queste ultime bendate. Accadrà il 6 dicembre a Roma, durante un’iniziativa promossa dall’Associazione Blindsight Project

travaini-elena-con-anthony-carollo

Elena Travaini, persona con grave disabilità visiva, e Anthony Carollo saranno i maestri che condurranno l’iniziativa danzante promossa per il 6 dicembre dall’Associazione Blindsight Project

Chissà se è un caso che proprio nello stesso giorno in cui vi sarà la finale del noto programma televisivo RAI Ballando con le Stelle, l’attivissima Associazione Blindsight Project – da anni impegnata a vari livelli per l’inclusione delle persone con disabilità, e in particolare di quelle con disabilità visiva – abbia promosso l’iniziativa denominata Blindly Dancing a Roma, ovvero uno stage di danze caraibiche da ballare insieme al buio.

Casuale o non casuale, tant’è che la divertente iniziativa si terrà appunto sabato 6 dicembre a Roma (Corpea Fitness Club, Via Rodolfo Lanciani, 15, ore 15-18), grazie alla collaborazione con l’Associazione Sportiva Dilettantistica Blindly Dancing, fondata dai ballerini professionisti Elena Travaini, persona con grave disabilità visiva, insieme ad Anthony Carollo. E per tre ore saranno proprio Travaini e Carollo i maestri che insegneranno a ballare la bachata e il merengue a persone con disabilità della vista, insieme a persone vedenti, queste ultime bendate.

«Sarà una bella esperienza – sottolinea Laura Raffaeli, presidente di Blindsight Project – per divertirsi e socializzare. E sarà soprattutto un altro momento di vera inclusione, per le persone con disabilità sensoriale, che la nostra Associazione intende offrire». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@blindisght.eu.

Stampa questo articolo