Percorsi e strategie per una scuola inclusiva

Questo il titolo del convegno regionale organizzato per il 19 dicembre a Palazzolo Acreide (Siracusa) dalla locale Sezione dell’ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), in collaborazione con l’ANFFAS Sicilia, incontro che si baserà sulle buone prassi da seguire, per creare un vero ambiente scolastico inclusivo, ove gli alunni con disabilità ritrovino le energie e gli stimoli “giusti”, per migliorare la loro qualità di vita

Bimbo che va a scuola, fotografato di spalle«Un vero sistema inclusivo deve mettere al centro di tutto l’alunno con disabilità, rendendolo protagonista del suo apprendimento, della sua crescita personale, motivato e padrone di sé e del contesto in cui si trova»: lo dichiarano dall’ANFFAS di Palazzolo Acreide (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), in provincia di Siracusa, che in collaborazione con l’ANFFAS Sicilia, ha organizzato per venerdì 19 dicembre (Sala Verde del Palazzo Comunale di Palazzolo Acreide, Piazza del Popolo, 1, ore 9-16.30) il convegno regionale intitolato Percorsi e strategie per una scuola inclusiva, incontro che sarà basato sulle buone prassi da seguire, per creare un vero ambiente scolastico inclusivo, in cui gli alunni con disabilità possano ritrovare le energie e gli stimoli “giusti”, per migliorare la loro qualità di vita.

Aperto dai saluti di Giuseppe Giardina, presidente dell’ANFFAS di Palazzolo Acreide, Carlo Scibetta e Alessandra Ferla, rispettivamente sindaco e assessore comunale alla Pubblica Istruzione della bella città siciliana ed Egizia Sipala, dirigente Scolastico del locale Istituto Comprensivo “V. Messina”, il convegno sarà introdotto e moderato da Marcello Pisani, dirigente scolastico di Istruzione Superiore Secondaria, sempre a Palazzolo Acreide.
Interverranno poi Paola Iacono, direttore facente funzione dell’Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza di Siracusa (Il contesto come risorsa per l’integrazione della disabilità); Angela Rapicavoli, pedagogista (L’integrazione della persona disabile nel terzo millennio. Quale futuro per l’integrazione scolastica); Giuseppe Cappello, referente dell’Area di Supporto all’Autonomia Scolastica nell’Ufficio Scolastico Territoriale (Includere e Umanizzare: teoria e prassi nei contesti educativi); la docente Rosa Maria Curcio (Insieme si può: testimonianze di buona scuola); Salvina Cilia, coordinatrice del Comitato Tecnico dell’ANFFAS Sicilia (La scuola è un diritto per tutti: occorre partire non dai bisogni ma dai diritti); Pasqualino Ciarcià, insegnante di sostegno.
Seguiranno quindi le testimonianze di alcuni operatori ASACOM (Assistenza all’Autonomia e alla Comunicazione) e di una serie di genitori di alunni con disabilità, mentre le conclusioni saranno affidate a Francesco Marcellino, consulente legale dell’ANFFAS Nazionale. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: anffaspalazzolo@virgilio.it; info@anffasicilia.net.

Stampa questo articolo