- Superando.it - http://www.superando.it -

Guttuso a Pordenone, Picasso a Trieste

Renato Guttuso, "Donna con la gonna"

“Donna con la gonna” di Renato Guttuso è una delle opere che compongono la mostra di Pordenone

Sono ormai parecchi anni – come abbiamo riferito di volta in volta – che la Fondazione Bambini e Autismo di Pordenone realizza nella propria Officina dell’Arte, centro lavorativo per adulti con autismo, una mostra di mosaici dedicata a un famoso pittore del Novecento e in questi giorni le ultime due della serie – denominate Mosaicamente 7 e Mosaicamente 8 e dedicate rispettivamente a Pablo Picasso e a Renato Guttuso – sono protagoniste a Trieste e a Pordenone.

Cominciamo da quella più recente, inaugurata alla metà di novembre a Palazzo Montereale Mantica di Pordenone (Corso Vittorio Emanuele II), visitabile ancora fino a domenica 21 dicembre e che tanto successo ha finora ottenuto in queste settimane.
«Guttuso – avevano scritto dalla Fondazione Bambini e Autismo al momento dell’inaugurazione – è forse più di altri pittori, rivisitati attraverso i mosaici realizzati dagli “speciali artisti” della nostra Officina dell’Arte, il testimone di un tempo che non c’è più. È la seconda parte del Novecento, quella che racconta nelle sue tele, un tempo sicuramente appena trascorso, eppure a noi oggi molto lontano. È un tempo ideologico e schierato in maniera molto netta, dove parole come globalizzazione non hanno ancora un vero significato e dove essere di una parte vuol dire condividere certi ideali e non altri. Guttuso, pittore impegnato e schierato, rappresenta con grande impegno i valori nei quali crede e l’eredità culturale propria della sua terra: la Sicilia. Così accade che nelle opere dell’artista che hanno ispirato le realizzazioni di Mosaicamente 8, concetti come lavoro e proletariato inteso come attore di una società a venire, siano comunque visti nel grande palcoscenico rappresentato dalla terra siciliana. I simboli di questa rappresentazione sono i più vari, ma anche i più riconoscibili: peperoni, limoni, agrumi, ecc. nature morte che nella rappresentazione di Guttuso in realtà diventano nature vive, per la forza espressiva e per i colori sgargianti che l’artista adopera. E poi paesaggi, strade, tetti, ecc. La summa di questa rappresentazione si ha con la Vucciria, il mercato di Palermo luogo di scambio, ma anche di incontro, un’opera in cui i prodotti delle bancarelle sono importanti quanto le persone ritratte e forse anche di più, tanto che le persone sono quasi “sepolte” dal trionfo di tutti gli ortaggi, pesci, formaggi, uova, frutta, olive, carne ed altro ancora».
«Partendo dunque da opere complesse come la Vucciria – spiegavano ancora dalla Fondazione Bambini e Autismo – gli autori dei mosaici hanno cercato di reinterpretare e rendere vivo il messaggio dell’artista. La cifra stilistica della mostra è segnata dall’impatto visivo e dalla cura che le persone con autismo attratte, in questo caso, dai mille particolari che si celano nelle opere di Guttuso, hanno saputo rendere evidenti anche attraverso un uso non convenzionale dei materiali. Accanto a queste opere, la mostra ricomprende poi una serie di immagini femminili, anche queste colte soprattutto nei particolari degli abbigliamenti, che costituiscono un altro significativo filone dell’opera dell’artista siciliano». «Sul piano sociale, infine, la mostra rappresenta un vero riscatto: la rivincita degli ultimi. Le persone con autismo sono molte in Italia, più di quanto si è sempre pensato. Il loro numero in aumento, anche per una migliore capacità diagnostica dei professionisti rispetto al passato, sta ponendo l’urgenza di affrontare il fenomeno con nuove energie e nuovi strumenti. E tuttavia, nella galassia dell’autismo, che può rappresentarsi in maniera molto diversa nelle varie persone, l’autismo negli adulti è un’emergenza nell’emergenza. Le persone con autismo adulte, molte della quali non hanno neanche una diagnosi corretta, dopo il percorso scolastico (se lo hanno intrapreso) restano a casa a completo carico alla famiglia e perdono quelle acquisizioni apprese in gioventù. I centri specializzati per le persone con autismo in tutto il Paese sono pochissimi. Le persone con autismo adulte sono considerate persone da assistere a cui, per la complessità della sindrome, è impossibile “chiedere” qualcosa in termini lavorativi. Con questa mostra desideriamo invece dimostrare che in una situazione lavorativa pensata per le persone con autismo, ma dove possono lavorare anche le persone “neurotipiche”, non solo può avvenire una vera integrazione delle capacità e dei rapporti, ma si possono realizzare opere di grande valore, riscattando la dignità di persone a cui non è mai stata data dalla società troppa attenzione».

Oggi, 19 dicembre, a Trieste (Sala Fittke, Piazza Piccola), tornerà invece un altro grande successo dell’Officina dell’Arte pordenonese, vale a dire Mosaicamente 7, dedicata a Pablo Picasso, della quale il nostro giornale si è già ampiamente occupato e che tanti consensi ha riscosso in questi mesi a Pordenone, Udine e Salsomaggiore Terme (Parma).
«In questo caso – si legge questa volta in vista dell’inaugurazione – si è cercato di interpretare – con un po’ di sfrontatezza – le opere di questo “grande”, scegliendole tra le più note, partendo segnatamente dal punto di vista delle persone con autismo, attente più ai particolari della realtà piuttosto che alla generalità della stessa. L’interpretazione dei quadri di Picasso è stata quindi molto centrata sui dettagli che dalle opere emergevano e allo stesso tempo è stato fatto tesoro della lezione dell’artista che spesso ha realizzato quadri e composizioni con materiali impropri. Da qui la scelta di utilizzare nella composizione dei mosaici anche materiali lontani dalla tradizione musiva».
Mosaicamente 7, che verrà inaugurata, come detto, oggi, 19 dicembre (ore 18), resterà aperta a Trieste fino all’11 gennaio prossimo. (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: relazioniesterne@bambinieautismo.org.