Marche: quei tagli creerebbero una situazione insostenibile

In febbraio avevano chiesto urgenti rassicurazioni ai rappresentanti istituzionali della Regione, le tante organizzazioni componenti della campagna marchigiana “Trasparenza e diritti” e del CAT Marche (Comitato Associazioni Tutela), ma non sono mai arrivate. Tornano quindi, quelle stesse organizzazioni, a lanciare l’allarme sul fatto che confermare l’ipotesi di un taglio del 50% del Fondo Sociale Regionale causerebbe pesantissime ricadute sugli utenti dei vari servizi

Realizzazione grafica con una grande forbice che sembra tagliare una carrozzina«Se venisse confermata l’ipotesi di un taglio del 50% del Fondo Sociale Regionale, per una cifra pari a 15-18 milioni di euro, si segnerebbe un punto di non ritorno non solo riguardo la riduzione o l’azzeramento della gran parte dei servizi, ma anche rispetto agli assetti organizzativi degli Ambiti Territoriali».
Lo hanno scritto al Presidente e ai componenti della Giunta Regionale delle Marche, oltreché ai Consiglieri Regionali e ai Parlamentari del territorio, la Campagna Trasparenza e diritti e il CAT Marche (Comitato Associazioni Tutela), organismi cui aderiscono decine di organizzazioni e che già agli inizi di febbraio avevano lanciato il medesimo allarme, chiedendo rassicurazioni urgenti ai rappresentanti istituzionali della Regione, che a quanto pare finora non sono proprio arrivate.

«Si creerebbe – aggiunge la lettera firmata per conto di Trasparenza e diritti e del CAT Marche da Roberto Frullini, Fabio Ragaini, Giorgia Sordoni e Samuele Animali – una situazione insostenibile per l’intero settore con ricadute pesantissime sugli utenti dei servizi».
«Per l’ennesima volta – conclude la lettera – ci appelliamo alla responsabilità di Giunta e Consiglio, affinché non si determini la situazione prospettata, che segnerebbe una rottura del patto di solidarietà che lega i cittadini di questa nostra Regione». (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: trasparenzaediritti@gmail.com; segreteriacatmarche@gmail.com.

Stampa questo articolo