E ancora una volta il cinema si tinge di blu

È già in corso, infatti, a Torino – e anche quest’anno con un’“appendice” pure nelle Marche – “cinemAutismo”, l’ormai tradizionale rassegna cinematografica sull’autismo e la sindrome di Asperger, che per alcuni giorni tingerà anche i cinema “di blu”, il colore dell’autismo, come succederà il 2 aprile in tante parti dell’Italia e del mondo, in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo

Immagine della locandina di "cinemAutismo 2015"

L’immagine utilizzata nella locandina di “cinemAutismo 2015”

Ha già preso il via a Torino la settima edizione di cinemAutismo, la rassegna cinematografica dedicata all’autismo e alla sindrome di Asperger, che nell’imminenza della Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo del 2 Aprile, si intitola Il cinema si tinge di blu, richiamando cioè l’ormai tradizionale iniziativa Light it up blue (“Illuminalo di blu”), voluta da Autism Speaks, la più grande organizzazione mondiale che promuove la ricerca scientifica sull’autismo.
Si è partiti infatti il 29 marzo con l’anteprima italiana del film sudcoreano Marathon di Jeong Yoon-Cheung, tratto da una storia vera con protagonista un ragazzo autistico appassionato corridore, che riesce a realizzare il suo sogno e partecipa alla tanto agognata maratona.
Alla serata hanno partecipato Maurizio Arduino, responsabile del Centro Autismo e Sindrome di Asperger (CASA) dell’ASL CN 1 di Mondovì (Cuneo), Stefania Goffi, referente per il Piemonte del Gruppo Asperger, Arianna Porzi, presidente dell’ANGSA Piemonte (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici) e Fabrizio Serra, direttore della Fondazione Paideia.

Si proseguirà quindi nella serata di oggi, lunedì 30 marzo (Cinema Massimo, Via Verdi, 18, ore 20.45), con il documentario spagnolo, anch’esso in anteprima, Planeta Asperger di María Barroso e Ricardo de Gracia, dove i protagonisti sono sei persone con la sindrome di Asperger che si raccontano alla telecamera, con naturalezza e libertà, descrivendo il loro personalissimo modo di vivere e vedere il mondo.
L’opera sarà preceduta da Storage di David Lea, uno dei due cortometraggi in programma a cinemAutismo provenienti dall’ASFF (Asperger Film Festival di Roma), il concorso di cortometraggi organizzato da giovani con sindrome di Asperger giunto alla sua seconda edizione, del quale anche il nostro giornale si è già più volte occupato.
Saranno presenti Roberto Keller, psichiatra dell’Ambulatorio sui Disturbi Pervasivi dello Sviluppo in Età Adulta dell’ASL TO 2, Dario Macocco ed Elisabetta Manolino del Gruppo Asperger.

Successivamente, martedì 31 (Cecchi Point, Via Antonio Cecchi, 17, ore 20.30), è in programma la presentazione, in compagnia degli Autori, del documentario in lavorazione intitolato Vicino alla mia pelle, realizzato da Sergio Fergnachino e Mario Cristina Cappennani e prodotto dalla Cooperativa Animazione Valdocco e da Redibis Film. Vi si racconta un viaggio intimo nel rapporto personale tra un educatore e un ragazzo autistico, che si rivela allo spettatore passo dopo passo, seguendo il ritmo del loro viaggio a Berlino.
Oltre a Fergnachino e Cappenanni, interverrà anche Beppe Quaglia della Cooperativa Animazione Valdocco.

Serata conclusiva, poi, il 2 aprile (Cinema Lux, Galleria San Federico, 33, ore 20.30), con una doppia proiezione dedicata alle relazioni tra fratelli, a partire dal cortometraggio di animazione Fixing Luka di Jessica Ashman, seguito dal film statunitense White Frog di Quentin Lee, presentato in collaborazione con il Torino Gay & Lesbian Film Festival e con i sottotitoli gentilmente concessi dal Servizio SUB-TI, nel quale si affronta appunto il difficile rapporto tra due fratelli apparentemente molto “distanti”, Nick, con sindrome di Asperger e Chaz, il ragazzo più popolare della scuola.
Saranno presenti Bert Pichal, ortopedagogista e consulente pedagogico presso la Fondazione TEDA per l’Autismo e Giovanni Minerba, direttore del Torino Gay & Lesbian Film Festival.

Questo per quanto riguarda il programma strettamente cinematografico, e tuttavia non sarà solo cinema e qualcosa di importante succederà anche al di fuori del capoluogo piemontese.
Come evento “fuori programma”, infatti, in collaborazione con la Fondazione Paideia, mercoledì 1 (Casa del Teatro Ragazzi e Giovani, Corso Galileo Ferraris, 266, ore 21), vi sarà lo spettacolo teatrale intitolato Del mondo che amo di e con Eliana Cantone, storia di Niccolò, bimbo autistico affascinato dall’acqua, e della madre che, con perseveranza e amore, affronta le difficoltà quotidiane.
Infine, in linea con il suo obiettivo di diffondere la conoscenza dello spettro autistico attraverso la settima arte, dopo l’esordio dello scorso anno, cinemAutismo organizzerà, in collaborazione con l’Associazione marchigiana Omphalos, cinemAutismo Marche, con una semplice formula, incentrata su un unico film in luoghi diversi delle Marche. Si tratterà esattamente di The Story of Luke di Alonso Mayo, opera vincitrice di numerosi premi, che narra la storia del giovane Luke, persona con sindrome di Asperger, alle prese con la ricerca di un lavoro e di una fidanzata. La pellicola verrà presentata il 2 aprile ad Ancona, il 10 aprile a Pesaro e il 20 aprile a Fermo.

I curatori di cinemAutismo, va ricordato, sono Marco Mastino e Ginevra Tomei e l’organizzazione è affidata all’Associazione Museo Nazionale del Cinema, con il sostegno della Fondazione CRT (Cassa di Risparmio di Torino) e la collaborazione di Fondazione Paideia, Gruppo Asperger e ANGSA Piemonte (Sezione di Torino). (S.B.)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@amnc.it.

Stampa questo articolo