Quella bottega sociale di Capranica

È stata ufficialmente inaugurata nei giorni scorsi a Capranica, in provincia di Viterbo, la Bottega Sociale Be Different, interamente gestita dai giovani con disabilità di due organizzazioni locali, vale a dire la Cooperativa Sociale Gli Aquiloni e l’Associazione Juppiter, iniziativa voluta allo scopo di responsabilizzare i giovani stessi, di dare loro una possibilità, ma soprattutto di realizzarne il sogno di vedere esposti i loro manufatti

Foto di gruppo per l'inaugurazione della Bottega Sociale "Be Different"

Foto di gruppo per l’inaugurazione della Bottega Sociale “Be Different”

Con il taglio di un nastro multicolore da parte del prefetto di Viterbo Antonella Scolamiero e alla presenza anche del sindaco di Capranica Angelo Cappelli e del presidente della Fondazione Carivit di Viterbo Mario Brutti, è stata ufficialmente inaugurata a Capranica, in provincia di Viterbo, la Bottega Sociale Be Different, interamente gestita dai giovani con disabilità di due organizzazioni locali, vale a dire la Cooperativa Sociale Gli Aquiloni e l’Associazione Juppiter.
La Bottega si trova nello splendido Palazzo Patrizi Naro, ex casa comunale e da anni sede centrale di Juppiter, «un’Associazione speciale, che con le tante iniziative realizzate dal suo presidente Salvatore Regoli – come ha ricordato il prefetto Scolamiero – ha portato il nome di Capranica in tutta Italia».
Juppiter è nata ventitré anni fa come Scuola di Musica di Capranica “Luigi Iezzi”, dall’idea di Salvatore Regoli di utilizzare la musica come strumento di educazione e crescita dei giovani. Nel 1994 l’incontro con don Antonio Mazzi e l’avvio della collaborazione con la Fondazione Exodus, basata sulla condivisione delle stesse progettualità: musica, sport, teatro e volontariato, ovvero le “4 ruote” della carovana della prevenzione di ogni tipo di disagio giovanile. Oggi Juppiter conta sette sedi, tra le Province di Rieti e Viterbo, e coinvolge migliaia di persone.
La Bottega Sociale nasce dalla volontà di responsabilizzare i ragazzi, dare loro una possibilità, ma soprattutto realizzarne un sogno, quello cioè di vedere esposte le loro “opere d’arte”. Gli oggetti in vendita sono marchiati dal logo Be Different, che contraddistingue una linea di piccola bigiotteria, accessori per la casa e gadget, tutti frutto del lavoro che ogni pomeriggio i giovani svolgono nei laboratori creativi. Alcuni oggetti come le bomboniere sono fatti anche su ordinazione. (Paola Scarsi)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: info@juppiter.it.

Stampa questo articolo