La strada degli “eventi per tutti”

È quella scelta da Padova Originale – progetto consistente in una collezione di itinerari turistici nella città veneta – anche per l’appuntamento enogastronomico-culturale organizzato per il 6 aprile, giorno di Pasquetta e aperto, come si legge nella presentazione, «anche a chi non ama le barriere architettoniche, a chi è disabile motorio, a chi usa il deambulatore, alle mamme e ai papà col passeggino»

Padova, Giardino di Cristallo

Con la sua splendida collezione di piante succulente (grasse), donata dal professor Angelo Levis, il Giardino di Cristallo costituirà una delle principali tappe dell’appuntamento enogastronomico-culturale proposto per il 6 aprile da Padova Originale

È certamente la “strada giusta”, come sin troppo spesso ci càpita di scrivere su queste pagine, quella degli “eventi per tutti”, ideati, cioè, tenendo conto delle esigenze di ogni persona, indipendentemente da come si muove, vede, sente o comprende, in altre parole, persone con disabilità comprese.
Ed è questa la strada scelta anche da Padova Originale, progetto ideato nella città veneta da Pietro Casetta, consistente in una collezione di itinerari turistici, realizzati, come egli stesso sottolinea, «attraverso un punto di vista originale (geografico), un approccio comunicativo originale (giornalistico), uno stile divulgativo originale (attento non solo all’arte, ma anche alla tecnologia)».

Il prossimo appuntamento enogastronomico-culturale promosso da Padova Originale, con la collaborazione e la direzione tecnica della Società DeltaTour, è in programma per lunedì 6 aprile, giorno di Pasquetta, una Giornata di visite guidate, cibi e… piante grasse come souvenir, dal Portello al Parco d’ Europa, con una visita anche all’edificio ove sorgerà il primo Giardino Verticale di Padova.
In linea con quanto abbiamo scritto in precedenza, è la presentazione dell’evento, organizzato, come scrive Pietro Casetta, «anche per chi non ama le barriere architettoniche, per chi è disabile motorio, per chi usa il deambulatore, per le mamme e i papà col passeggino. Un appuntamento dedicato a chi è stanco di affrontare le barriere architettoniche e quindi soprattutto, ma non solo, i disabili, ma anche chi ha voglia di passeggiare senza dover guardare più al selciato (per non inciampare) che a ciò che ha attorno».

Oltre al conosciuto e storico complesso portuale del Portello, l’attenzione verrà puntata sulle più significative opere contemporanee e sui loro autori, come la slanciatissima Passerella su Via Venezia, il Parco d’Europa, la serra denominata Giardino di Cristallo (con la guida di Antonio Brusaterra) e il poco considerato Centro Direzionale La Cittadella.
E per concludere, il pranzo al settimo e ultimo piano dell’Hotel Biri, con vista mozzafiato sulla città, presso il Ristorante D&G “Le Terrazze”, incentrata sul delizioso menù curato dal cuoco Franco Ruggero.

Da apprezzare, in conclusione, anche la segnalazione di alcune criticità, presenti nel percorso (asfalto rovinato, passerelle ripide), in modo tale da fornire a tutti un’informazione il più completa possibile. (S.B.)

Sono disponibili tutti i dettagli sulla proposta per il 6 aprile di Padova Originale. Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Pietro Casetta (pietrocasetta@pietrocasetta.it).

Stampa questo articolo